Mal comune mezzo gaudio…

E si…mal comune mezzo gaudio…recitava un antico proverbio.Magra soddisfazione senz’altro,anche perche’ ognuno guarda a casa sua,ma pur sempre aiuta a mitigare un po’ la rabbia.Ci lamentiamo quotidianamente delle disastrate strade di Gorizia,ma basta fare una capatina a Udine e Trieste per rendersi conto che e’ proprio… un mal comune.Crisi,patto di stabilita’ indubbiamente influiscono,ma riteniamo che al 90 per cento le colpe siano da addebitare alle varie multiutility,o chi per esse,che fanno interventi a iosa per guasti o la posa di nuovi tubi di acqua,gas e elettricita’,e una volta scavato e posato ricoprono alla va la che va ben,lasciando nell’asfalto o nel porfido,magari appena rimessi a nuovo,ferite assurde e spesso pericolose.Rattoppi solo dove si e’ scavato a volte in asfalto e altre in cemento o similari.Per non parlare poi dei tombini(non conosciamo il termine tecnico)coperti con quella sorta di coperchi in ferro,che e’ ancora peggio.Difficilmente sono alla pari con la sede stradale e tutto intorno ricoperti alla belle e meglio e con vari dislivelli.Crediamo che nei contratti d’appalto ci siano clausole precise,comprese le penali sui ritardi e sui lavori non fatti a regola d’arte, che indubbiamente vengono pagate una volta si e dieci no,se non di piu’.Il sindaco Romoli ultimamente ci e’ riuscito facendosi rifare da Iris via Sauro,ma ora sembra che sia il sindaco di Udine Honsell,sia quello di Trieste Cosolini,visti anche i tempi di crisi,non siano piu’ tanto tolleranti,stanchi forse di assumersi colpe non proprie.Dicevamo di Udine e Trieste.Le strade del capoluogo friulano sembrano ormai un percorso di guerra,uno sterrato insopportabile per chi transita in auto, e anche pericoloso per motorini e biciclette.E il problema esiste sia in centro che in periferia.Situazione analoga nel capoluogo giuliano,aggravata da mesi di lavori a Barcola(li vediamo nelle foto)e fin quasi alla stazione ferroviaria,praticamente l’unica arteria bassa di entrata.E anche la copertura della splendida piazza Unita’ presenta un’usura fuori del normale(ci son stati problemi fin dall’inizio),come del resto piazza Vittoria e altre di Gorizia.In passato,tempi di vacche grasse,anche se ingiusto, si poteva chiudere un occhio,ma oggi e’ piu’ che mai doveroso applicare le clausole contrattuali fino all’ultima virgola e fare severi controlli da parte dei Comuni,prima,durante e dopo i lavori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.

Clicca su un’immagine per ingrandirla. Muoviti tra le immagini con le frecce della tastiera. Grazie a Mabe per le immagini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *