Ligabue,il grande giorno

Portare la sua musica nelle città che altrimenti verrebbero lasciate ai margini dei grandi tour. Questo il progetto di Ligabue, che questa sera regalerà un’iniezione di rock al palasport di Latisana. Biglietti esauriti in poche ore e entusiasmo alle stelle, intanto, tra i fan che da giorni assiepano il “Liga Village” sbarcato nella città della Bassa, unica tappa di tutto il Nord Est per il tour “Mondovisione piccole città” del rocker di Correggio. Un altro purosangue dello spettacolo, stavolta del cabaret, farà invece divertire il pubblico del teatro Nuovo Giovanni da Udine. Parliamo di Teo Tecoli, che proprio stasera recupera la data rinviata lo scorso 21 marzo con il suo spettacolo “Restyling”. Una carrellata di nuove ed esilaranti storie che porteranno sul palco udinese i personaggi più celebri del cabarettista milanese, da Felice Caccamo al “nostro” Cesare Maldini. Il sipario si alzerà alle 21.
Serata di musica, invece, al teatro Bratuz di Gorizia. La sala di viale XX Settembre ospiterà questa sera alle 20.45 il decimo e ultimo “Concerto della sera”. Sul palco, Giuseppe e Anna Barutti, violoncello e pianoforte, due dei cinque fratelli musicisti del celebre “Quintetto Barutti” di Venezia. In programma importanti Sonate di Ludwig van Beethoven, Johann Brahms e Charles Debussy. Al ridotto del Verdi, infine, è attesa Alberta Basaglia, figlia del celebre Franco, che presenterà “Le nuvole di Picasso. Una bambina nella storia del manicomio liberato”. Il libro, scritto a quattro mani con Giulietta Ravanelli, sarà presentato alle 17.30 per la prima volta nella nostra regione e racconta la storia della famiglia Basaglia, del padre Franco, grande psichiatra e, come si potrà leggere, grandissimo uomo. Accanto ad Alberta, anche l’attore Fabrizio Gifuni che ha interpretato lo psichiatra nello sceneggiato Rai “C’era una volta la città dei matti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *