Le “Starde” vanno sempre più a schifio…minchia

Non è accettabile vedere, percorrere delle strade che sono ormai in alcune vie della nostra città più che dissestate, crivellate come da colpi di mortaio.

Alcune buche sono così profonde che prima o poi qualcuno vi cadrà dentro senza farvi più ritorno, come inghiottito dal degrado che le circonda.
Anni fa, e mi riferisco a prima dell’era romoliana, quando la nostra città era avvolta nel torpore, in quell’oblio chiamata amministrazione cattocomunista edulcorata alla Brancati; andavo spesso, da bravo consigliere circoscrizionale a perlustrare le vie,le piazze del mio quartiere e non solo, al fine di sincerarmi dello stato di degrado in cui versavano e con solerte impegno, denunciavo lo stato dei manti stradali.

Una volta mi è capitato di fare un volantino su di una via cittadina nel quale scrissi, cadendo in un refuso “Starde” al posto di “Strade” peccato di gioventù si disse, ma ciò non di meno mi valse, a sfottò, un articolo sul Messaggero Veneto, nel quale il giornalista attribuì il mio lapsus al fatto che le strade della città fossero così malconce da non meritare di essere nemmeno scritte in un italiano corretto.

Alcuni anni sono passati da allora ma, le condizioni dei manti, delle strade cittadine non hanno mutato il loro aspetto se non in alcuni tratti che, a causa delle intemperie sommate ai contiuni scavi ed ai frettolosi e cattivi ripristini da parte di Iris (dicasi 3000 cantieri non ripristinati) e delle altre società, sono oggi praticamente distrutte.

A quanto ammonta il degrado, probalilmente, per rimettere a nuovo tutte le strade, ed i marciapiedi,spesso del tutto assenti, la cifra adrebbe molto vicino ai 100 milioni di Euro.

Tanti, troppi per le casse comunali, ma necessari per far rivivere la città e se è vero, indirizzarla al turismo. 

Per cui forse, ancor più oggi, il termine erroneo “Starde” rappresenta amaramente le condizioni delle nostre vie e piazze, della nostra, vecchia Gorizia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *