Pedonalizzare la via dello sballo

Mi sto facendo promotore di un iziativa che, sto portando in questi giorni all’attenzione dell’amministrazione cittadina ed ai rappresentanti dell’opposizione, ovvero lo sperimentare la Via Nizza fino all’incrocio con Via Maniacco, Zona  a Traffico Limitato, sulla falsa riga di via Garibaldi, tornata quest’ultima all’antico splendore.

Illuminarla meglio potrebbe significare riqualificare quell’area, soprattutto la zona più interna che, sembra cadutada in un apparente stato di tristezza da alcuni anni.

Renderla zona a traffico limitato potrebbe consentire agli esercenti di delimitare l’area antistante ai loro esercizi e conseguentemente renderli responsabili del mantenimento della pulizia e del decoro di quelle aree date loro in gestione.

Se, i Tre Pilastri saranno concretizzati, questo potrebbe accadere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Pedonalizzare la via dello sballo"

  1. Ci siamo arrivati non si preoccupi, però riteniamo anche (è l’abbiamo chiaramente espresso) che per pedonalizzare una via oggi afflitta da condizioni di grave degrado, sia necessaria prima una rigorosa applicazione della parte precettiva e repressiva dei famosi tre pilastri e quindi

    Divieto assoluto di somministrazione di alcool ai minori di anni 16
    emanazione di un ordinanza che eleva tale divieto a 18 (se compatibile con l’ordinamento vigente)
    Divieto di consumare alcool in strada o comunque al di fuori delle zone di pertinenza di un locale
    rigidissimo controlli da parte della polizia municipale sull’applicazione delle presenti norme

    Del resto somministrare o vedere alcool ai minori è un reato e chi lo compie deve andare pacatamente e serenamente in galera come prevede del resto l’articolo 689 del codice penale che, per conoscenza, le accludo.

    L’esercente un’osteria o un altro pubblico spaccio di cibi o di bevande, il quale somministra, in un luogo pubblicoo aperto al pubblico, bevande alcooliche a un minore degli anni sedici, o a persona che appaia affetta da malattia di mente, o che si trovi in manifeste condizioni di deficienza psichicaa causa di un’altra infermità, è punito con l’arresto fino a un anno (1) (2).
    Se dal fatto deriva l’ubriachezza, la pena è aumentata.
    La condanna importa la sospensione dall’esercizio

  2. Anche a me sembrano tante cose, gentile Antonino… Mi sembra che molti cittadini si nascondano dietro all’arroganza del “no se pol” solo perché pigri o incapaci di agire e di proporre qualcosa di socialmente utile. Mi sembra che molti commercianti del centro siano stati bruscamente svegliati dal profondo cambiamento commerciale che ha subito la città in questi ultimi anni. Svegli da poco, con ancora il segno del cuscino in faccia, sono li con le mani in tasca che si lamentano del perché gli sloveni son spariti e perché i goriziani comprano nei centri commerciali a metà prezzo. Mi sembra che alcuni tra politici ed assessori nostrani non abbiano molto a cuore le sorti della città, bensì i propri interessi. I loro uffici (che sono nostri) sono delle roccaforti, cui ponte levatoio si abbassa solo ai loro compagni di merende, dove spesso poter proporre un’iniziativa o farsi accettare un preventivo equivale a fare l’elemosina fuori dai supermercati. Ma almeno la qualche spicciolo si raccimola. Mi sembra che i gestori dei bar situati a 50 metri l’uno dall’altro, pretendano un pò troppo dai loro clienti e non, senza offrire alcun tipo di servizio che realmente possa attirare le persone ad aprire il portafoglio con serenità. Tanti happy hour, tante inaugurazioni, tante feste, ma poca professionalità e sostanza. (…e molta arroganza) Mi sembra anche che quelle che una volta erano delle trattorie di basso, ma gradito livello e che adesso sono diventati ristoranti di elevato spessore culinario dalla selezionata clientela e prezzi degni della Milano da bere, dall’alto dei loro sguardi dovrebbero ricordare le proprie nobili e non troppo lontane origini contadine. A me sembra che la città non può sottostare alle lecite richieste di qualcuno che vorrebbe un dormitorio city sacrificando un luogo bellissimo come, ad esempio, il “Bastione Fiorito”. A me sembra che sia giunto il momento che quelli che vogliono cambiare qualcosa si prendano le proprie responsabilità e si facciano avanti, altrimenti se ne stiano zitti. Questo è quello che mi sembra…

  3. d’accordo ma… cosa c’entra questo con la zona pedonale e il rispetto della legge 689?

  4. Perché ritengo che sarebbe utile, oltre che a cercare di medicare l’unghia incarnita (via Nizza), cominciare a curare il tumore al cervello. (Gorizia) Mie opinioni personali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *