La Soprintendenza ha detto sì

Era il luglio del 2011. Il casuale ritrovamento di un muretto preesistente alle mura del castello bloccò di fatto i lavori del cantiere aperto per la costruzione dell’arcinoto impianto di risalita. Un ostacolo imprevisto che oggi, dopo quasi tre anni di attesa, è stato finalmente superato. Il nuovo progetto, che ricordiamo prevede l’ingresso in ipogeo del secondo e del terzo ascensore, ha ricevuto il nullaosta ufficiale, nero su bianco, da parte della Soprintendenza ai beni architettonici e paesaggistici. Prima di riprendere i lavori, sarà ancora necessario attendere il regolare iter del nuovo progetto, che nei prossimi giorni sarà presentato alla Regione. Con la speranza che i tempi di attesa possano essere, d’ora in avanti, ridotti all’osso. “È un progetto secondo me migliore del precedente -il commento del sindaco Romoli- a parità di costi e con un impatto sull’ambiente decisamente inferiore”. La sola parte esposta lungo il colle sarà infatti il primo ascensore, che percorrerà i binari oggi già ben visibili sopra Galleria Bombi, e che comunque dovrà subire un intervento di mitigazione a verde, rendendolo quasi mimetico prima dell’inaugurazione, anche se sulla data del primo viaggio vige ancora la massima incertezza. “Finire i lavori entro l’anno sarebbe un vero e proprio miracolo -le parole del sindaco. Più probabile riuscire a concludere nella primavera del 2015”. Per coprire i costi di gestione, il Comune chiederà alla Regione di inserire la risalita nel piano per il trasporto pubblico urbano, anche se l’ipotesi di un biglietto per accedere alle cabine, del tutto automatiche, non tramonta. E l’obiettivo finale rimane quello di rendere fruibile l’ascensore, oltre che ai turisti, ai cittadini stessi, facendolo di fatto rientrare nella riqualificazione completa di Borgo castello che sarà completata proprio dopo l’apertura dell’impianto. Fiore all’occhiello, è il caso di dirlo, sarà la discoteca a basso impatto acustico che dovrebbe tornare al Bastione fiorito, mentre non sono escluse modifiche alla viabilità, che potrebbero prevedere l’istituzione di una zona a traffico limitato nelle vie del borgo, alle quali potranno accedere in auto esclusivamente i residenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.

Clicca su un’immagine per ingrandirla. Muoviti tra le immagini con le frecce della tastiera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *