La separazione di Simin

Leila Hatami (Simin) e Peyman Moaadi (Nader).
Leila Hatami (Simin) e Peyman Moaadi (Nader).
“Una separazione”, il film iraniano in programma questa sera all’Amidei, è la storia di Simin (Parco Coronini alle 21). Una donna che vuole lasciare il suo paese ma è ostacolata dal marito, Nader, che non ha alcuna intenzione di abbandonare il padre malato di Alzheimer. La questione dovrà essere rivolta da un giudice, nell’inevitabile aggravarsi degli eventi.
Sceneggiato da Asghar Farhadi, “Una separazione” è un film che va ad esplorare sentimenti profondi e dolorosi. Lo scontro. La famiglia contro l’amore. E il coraggio di una donna che vuole cercare una nuova vita lontana dalle sue origini.
Nel tardo pomeriggio, infine, il doppio appuntamento con “L’Italia non è un paese povero” (Joris Ivens, 1960) e la cine-risposta “Quando l’Italia non era un paese povero” (Stefano Missio, 1997), per il ciclo “Opera d’Autore”. Entrambi al Kinemax, Sala 2, dalle 18. L’evento speciale è invece in programma alle 14, con la proiezione di “Ladri di Saponette” (Maurizio Nichetti, 1989) a cura del Cineclub Gorizia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *