Invisible cities prende forma

Maggio a Gorizia si sta confermando il mese dell’arte digitale. Dall’8 al 22 maggio ritorna infatti In\Visible Cities, il festival internazionale della multimedialità urbana pronto a reinventare ancora una volta la nostra città e i suoi spazi attraverso il connubio tra arte e tecnologia, tra emozioni e innovazioni. I 100 artisti attesi per l’edizione di quest’anno saranno chiamati a riflettere sul tema “migrAzioni: storie, percezioni, esperienze”. Tre i workshop proposti quest’anno: “Raccontare le migrazioni” con i documentaristi Andrea Segre e Matteo Calore dal 12 al 16 maggio, “Shifting places” con Wanda Moretti della compagnia di danza verticale “Il Posto” dal 16 al 18 maggio, e “Sogno e son desto. Tra sé reale e sé immaginato” dal 7 al 14 maggio a cura del regista teatrale Giuliano Scarpinato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *