Indecisione nel Pd, per le primarie è corsa a tre

Il Direttivo del Partito Democratico, riunitosi giovedì scorso, ha confermato con forza e all’unanimità il percorso che porterà alle primarie aperte del 6 novembre. A Gorizia c’è una grande novità: intorno al confronto sui programmi, durato molti mesi, è nata una coalizione di centrosinistra unita e determinata a vincere le elezioni del 2012 con il candidato che emergerà alle primarie.

Roberto Collini (59 anni), è uno dei nomi sui quali il Partito Democratico potrebbe puntare in vista delle prossime primarie.
Mettere in questione le primarie significa buttare all’aria il lavoro svolto, dividere la coalizione e favorire di fatto Romoli. Le primarie sono una scelta di apertura, partecipazione e trasparenza, in cui i cittadini possono scegliere tra i candidati in base ad un confronto di idee, dopo aver ascoltato e valutato le loro proposte per la città. Questa è la politica nuova che il Partito Democratico di Gorizia ha scelto, basata sui contenuti e sul bene comune, superando i vecchi metodi, le logiche verticistiche in cui pochi decidono al posto dei cittadini, per motivi poco chiari.
Il Partito Democratico sta delineando un programma per la città, che verrà presentato e discusso nell’assemblea di martedì 13 settembre al Kulturni Dom, alle 20.15. Inoltre stiamo valutando le possibili candidature da sostenere alle primarie. Finora sono emerse due disponibilità, quelle di Silvano Ceccotti e del sottoscritto. Il tutto è emerso in un clima armonico, costruttivo, di collaborazione e condivisione degli obiettivi. La scelta finale non è per nulla scontata e avverrà nell’assemblea del 28 settembre, a cui saranno invitati a partecipare oltre 500 iscritti.
Nel percorso verso le elezioni del 2012 siamo assolutamente aperti a chiunque voglia dialogare con la coalizione di centrosinistra, comprese le forze del Terzo Polo, condividendo un giudizio negativo sull’operato di Romoli e l’urgenza di un’alternativa per far rinascere la città.

Giuseppe Cingolani, segretario del Partito Democratico di Gorizia

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *