Il wifi arriva in castello

“Guglielmo” mette le ali. Le novità introdotte ormai quasi un anno fa nella rete wifi gratuita messa a disposizione dal Comune di Gorizia sembrano essere apprezzate. Tra queste la possibilità di digitare la password soltanto al primo accesso e di connettersi in automatico alla rete ogni qualvolta si capita nel raggio di una delle aree coperte dal wifi comunale. Due mosse che evidentemente hanno semplificato il sistema di connessione a “Guglielmo”, che è passato dalle 40.600 connessioni effettuate nella prima parte del 2016, prima dell’introduzione delle nuove funzionalità, alle 711.295 della seconda parte dell’anno. Un trend esponenziale che trova conferma anche nel primo bimestre del 2017: fino al 5 marzo il numero di connessioni ha toccato infatti quota 199.443. Quello della biblioteca statale isontina risulta essere l’hotspot con il maggior numero di accessi. Numeri che rappresenteranno la base per un nuovo ampliamento della rete internet comunale, che punta a sbarcare in castello e tra le vie del borgo. «Grazie ad “Agenda urbana” sarà possibile impiegare 295 mila euro per questo intervento» ha annunciato il consigliere comunale delegato al wifi, Fabrizio Oreti, «il progetto dovrà essere realizzato rispettando gli input che riceveremo dalla soprintendenza, per ora l’indirizzo è quello di replicare le caratteristiche della rete già attiva in centro. Il nostro scopo, come da programma elettorale, sarà quello di far vivere il maniero riempiendolo di contenuti. Magari il wifi aiuterà anche a far girare le immagini del bellissimo borgo che Gorizia può vantare». Negli ultimi 10 mesi le connessioni totali sono state 907.818, con un picco lo scorso 24 settembre: 8.242 connessioni per 1.415 utenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *