Il Pd sulla sanità: Che la Regione non faccia terra bruciata

 

Azienda sanitaria isontina: la Regione non faccia terra bruciata

 

Ancora un direttore generale della nostra Azienda sanitaria trasferito: il terzo in tre anni. Se ciò che è stato prospettato in questi giorni si verificasse, e il dottor Cortiula lasciasse realmente l’Isontino per assumere la guida della direzione regionale della sanità, sarebbe chiaro quel che sta accadendo: la Regione taglia le gambe alla nostra Azienda, stroncando sul nascere la possibilità stessa di un lavoro continuativo e di una progettualità a lungo termine.

Cortiula finora ha dimostrato motivazione ed impegno nello svolgimento del suo incarico, e riteniamo fondamentale quella continuità che solo la sua personale permanenza potrebbe garantire.

La presenza di Cortiula non ha certo rimediato a tutte le pesanti carenze dei nostri servizi sanitari: molto è il lavoro ancora da fare, e sono richieste anche precise scelte regionali, oltre che un’efficace programmazione e conduzione aziendale. È essenziale ad esempio pretendere che la nuova gestione dell’Area vasta con Trieste non tolga dignità e forza contrattuale all’Azienda isontina e non sia l’anticamera del suo accorpamento. Negli accordi di Area vasta bisogna avanzare precise richieste a favore della nostra Azienda, come il ristabilimento di un trattamento equo e paritario tra noi e Trieste nei finanziamenti, nel personale e nei servizi di assistenza territoriale, come anche nei servizi di anatomia patologica, favorendo la mobilità del personale verso la nostra Azienda. Da noi è infatti ancora acuto il problema della carenza di personale, che va integrato e motivato. I finanziamenti devono essere erogati non per Area vasta, ma alle singole Aziende, evitando di accentrare esclusivamente in mani triestine il potere decisionale e la leva economica. È importante garantire il mantenimento di Medicina nucleare, salvaguardare i nostri servizi di medicina trasfusionale e di terapia intensiva. È necessario cominciare a programmare seriamente la complementarietà dei servizi sanitari transfrontalieri.

Chiediamo insomma di valorizzare e migliorare una realtà sanitaria complessa che rischia altrimenti di diventare sempre meno capace di rispondere ai bisogni reali della popolazione.

Giuseppe Cingolani

Segretario del Partito Democratico di Gorizia

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *