Il “patto” dell’Antica Contea

Un accordo per rilanciare il turismo tra Gorizia, Gradisca e Cormons. È il “patto” dell’Antica Contea, stretto sulle solide basi di una storia condivisa e con l’obiettivo comune di dare un nuovo slancio alla promozione turistica del nostro territorio, grazie a un fondo di circa 100 mila euro. A far rinascere il progetto, già avviato qualche anno fa ma poi arenatosi per mancanza di risorse, è stato il contributo di 70 mila euro arrivato dalla Regione, cui saranno aggiunti altri 26mila euro, provenienti dalle casse dei tre enti. La richiesta di fondi, per la verità, era stata avanzata nel 2009, con la partecipazione ad uno specifico bando ma non era stata finanziata perchè lo stanziamento era esaurito. Le tre amministrazioni hanno dato il via a una serie di incontri per stendere un progetto dettagliato volto a promuovere le eccellenze del territorio compreso nell’Antica Contea, ricco di storia, cultura ed enogastronomia, oltre che di eventi di richiamo internazionale. Il tavolo composto da tre assessori, affiancati da dirigenti e funzionari dei rispettivi Comuni, dovrà approvare in tempi brevissimi il piano marketing che sarà concretizzato il prossimo anno. “Si tratta di un’ottima occasione per valorizzare sinergicamente il territorio a livello turistico -hanno convenuto gli amministratori- e per consolidare la collaborazione in una visione che va oltre i confini dei singoli comuni, anche in previsione della concretizzazione dell’Uti Alto Isonzo”.
Durante l’ultima riunione, peraltro, è stato concordato di avviare uno scambio permanente di informazioni sugli eventi di Gorizia, Cormons e Gradisca per evitare sovrapposizioni e dispersione di energie, una sorta di coordinamento delle manifestazioni, perlomeno quelle maggiori, che potrebbero essere inserite in un contenitore unico da promuovere al di fuori dei confini dell’Antica Contea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *