Il miserabile

di Spritz_Nero

Questo intervento lo voglio dedicare a quel miserabile (o miserabili) che ha rubato l’albero di Natale nel bar Galleria gestito dalle belle e brave Rossella e Sibilla Makuc, meglio conosciute come le “gemelline”. A differenza del giornalista di un noto quotidiano locale che si è occupato dell’accaduto, non voglio creare nessun alone di alibi attorno al ladro, alone celato sotto forma di crisi che, come si legge nel suo articolo, affligge le famiglie italiane.
E’ davvero di una tristezza sconcertante sapere che probabilmente un goriziano, discendente del nostro sbandierato orgoglio comportamentale principesco austro ungarico, passerà il Natale a guardarsi un albero di abete con tanto di addobbi sottratto alle legittime proprietarie. Al di là (…errare humanum est, perseverare diabolicum) della provenienza di questo ladruncolo meschino, rimane un gesto che da parte mia trova il massimo disprezzo e nessuna giustificazione.
Sarebbe stato capibile, ma comunque non giustificabile, un furto riguardante generi alimentari o una qualsiasi cosa che possa aiutare delle famiglie o delle persone in difficoltà; in quel caso forse pensare alla crisi sarebbe stato lecito, così come lecito sarebbe stato interrogarci perché alcune persone si trovino costrette a compiere tali gesti per vivere.
Una o più persone che sottraggono un albero di Natale ad una attività commerciale che partecipa ad abbellire la città a spese proprie, in prossimità di un evento che è considerato sacro anche dai profani, avranno sicuramente fatto indignare anche l’ultimo dei ladruncoli che di dignità ne ha già poca.
E visto che il Natale è vicino, altro non mi rimane da fare che augurare al miserabile che sotto l’albero rubato trovi uno dei regali più grandi che un uomo possa desiderare: la dignità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Il miserabile"

  1. Mi chiedo: ma perchè gli atei, o comunque tutti coloro che non credono nella religione cattolica e quindi tanto meno alla nascita di Gesù Cristo, festeggiano il Santo Natale? I comunisti, ad esempio, perché lo festaggiano? Perchè “godono” degli stessi “favori” dei credenti? Perchè mi fanno gli auguri quando li incontro per strada o, addirittura, vengono nell’ufficio dove lavoro appositamente per fare gli auguri a me ed alle mie colleghe? Perchè godono del periodo di ferie se non ci credono, in Dio? Che restino a lavorare, altro che festeggiare il Signore!

  2. Spritz, secondo me non è questione di indigenza, quanto di puro e semplice vandalismo, caricato su di un furgone o su di una macchina tanto per fare i bulli, oppure i famigerati ladri di Gorizia si sono “adeguati” a far man bassa di alberelli ? … se qualcuno desidera tanto un albero di natale, non sò con che spirito possa gioire di qualcosa di rubato ad altri. Comunque, io ho la mia mentalità e nessuno mi farà cambiare idea. Gorizia si stà inbarbarendo sempre di più, da vecchia Principesca Contea, città fra le più amate dall’Austro-Ungarico Impero… E più guardo la foto del Franz più mi devo trattenere dal maledire l’epoca in cui vivo… ho detto l’epoca, non il Paese !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *