Il giorno della firma

Sarà siglata oggi, con ogni probabilità, la polizza assicurativa che di fatto consentirà di riaprire l’Istituto di musica di via Oberdan. Il passaggio burocratico decisivo per riaprire le aule già liberate dai lucchetti del Tribunale e di riprendere a suonare su pianoforti, arpe e timpani della scuola, fino a due giorni fa ancora sotto sequestro. E i prossimi giorni in via Oberdan saranno decisamente frenetici, tra le pulizie necessarie per far risplendere le aule riaperte alla programmazione delle lezioni e dei prossimi appuntamenti della scuola. Le lezioni, innanzitutto, dovrebbero riprendere a pieno regime, quindi tutti i corsi regolari che si svolgevano ante fallimento, a partire da lunedì. “La priorità ora come ora è preparare i ragazzi agli esami di giugno -le parole del direttore Claudio Liviero- ma restano anche da definire le date dei saggi di fine anno, che vorrei organizzare a inizio maggio”. Già stasera, intanto, Liviero incontrerà il corpo docenti proprio per programmare le attività da qui agli esami pre accademici e ai saggi finali, che almeno per i corsi riattivati a metà marzo, chitarra, flauto, violino, clarinetto e fisarmonica, potrebbero dunque tenersi nelle prossime settimane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *