Il GAG vi spiega l’ascensore/2

I goriziani sono interessati a come si vedrà il Castello, e soprattutto il colle, dopo l’installazione dell’impianto di risalita, da tutti ormai detto ascensore.
A dare una risposta, attendendo quella ufficiale da parte dell’amministrazione comunale, ci ha pensato il Gruppo Archeologico Goriziano che nel week-end scorso ha organizzato un punto di informazione presso il porticato del palazzo della Cassa di Risparmio di Gorizia in corso Verdi. Un’iniziativa il cui successo ha convinto gli organizzatori a ripetere le lezioni sull’ascensore ed il suo impatto ambientale anche sabato 28 e domenica 29 maggio, data entro la quale ci si aspetta un riscontro ufficiale da parte dei competenti uffici comunali.
Sarà l’ultimo capitolo della manifestazione “Oh che bel Castello” andata in scena il 19 marzo scorso in piazza Vittoria.
Riportiamo di seguito la descrizione del progetto diffusa dal Gruppo Archeologico Goriziano e dal Coordinamento delle associazioni contro l’ascensore, formato da Ambiente Italia, Forum Cultura, Gruppo Archeologico Goriziano, Gruppo culturale Mediaart, Gruppi Scout Agesci Gorizia 2 e 3, Principesca Contea di Gorizia, Italia Nostra, Legambiente, WWF.

Il progetto si compone di una funicolare e due ascensori. La prima corsa supererà un dislivello di 50 metri circa per una lunghezza di oltre 100 metri totali, la capienza della cabina è di 40 persone e prevederà una stazione di partenza collocata dietro al Cinema Vittoria ed una d’arrivo adiacente al torrione a nord della fortificazione. Una volta attraversata la prima cinta di mura un ascensore permetterà di superare il successivo dislivello e di giungere quindi al passaggio che, attraverso una cortina muraria, entra nel castello, dove verrà collocato il secondo ascensore. Il percorso di risalita meccanica prevederà, in parallelo, anche uno pedonale.

La ricostruzione – anche se con tutti i limiti imposti dal fatto di esser stata realizzata da “non addetti al settore” e dei mezzi a nostra disposizione – è stata effettuata dopo aver studiato l’ultimo progetto esecutivo del 2010, attualmente in fase di realizzazione, ed ha unicamente lo scopo di presentare ai cittadini quello che, con buona approssimazione, diverrà l’aspetto definitivo e non più reversibile del colle del castello a lavori ultimati, affinché essi possano, finalmente, prenderne visione. Sul sito del Coordinamento delle Associazioni contro l’Ascensore di Gorizia http://www.gagoriziano.org/coasgo/ è inoltre possibile visionare, in aggiunta ai disegni esposti, anche un video con la ricostruzione tridimensionale dell’impianto inserito nel contesto in cui verrà realizzato.

La ricostruzione dell’impianto di risalita a cura del Coordinamento delle associazioni contro l’ascensore:

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *