Il G.A.G. presenta: “La Gradisca Ritrovata”

Il Gruppo Archeologico Goriziano, assieme al C.R.C. “C. Seppenhofer”,
è lieto di annunciare che, in occasione delle Giornate Nazionali di
Archeologia Ritrovata organizzate per l’ 8 e 9 Ottobre p.v. dai Gruppi
Archeologici d’Italia, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della
Repubblica, si terrà un convegno-giornata studi sulla fortezza di
Gradisca d’Isonzo, intitolato “Gradisca Ritrovata”, con il Patrocinio
del Comune di Gradisca d’Isonzo, della Provincia di Gorizia e della
Regione Friuli Venezia Giulia e con il generoso contributo della
Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia. Tale evento, al quale
parteciperanno esperti e rappresentanti delle istituzioni dell’intera
regione, si svolgerà a Gradisca domenica 9 ottobre, nella sala
conferenze presso il primo piano del Palazzo del Monte di Pietà.
Durante il convegno si alterneranno vari relatori che illustreranno
come sarebbe possibile recuperare e rendere fruibile alla popolazione
le antiche vestigia di origine veneziana che caratterizzano la
cittadina di Gradisca d’Isonzo e che sono, purtroppo, in stato di
quasi totale abbandono da circa 30 anni. I relatori invitati ad
intervenire saranno professionisti locali di vari settori (storici,
archeologi, architetti, ingegneri), che si sono già occupati, sotto
vari aspetti, della fortezza gradiscana, e sono stati scelti
preferenzialmente tra gli autori delle pubblicazioni più importanti
finora redatte in merito a Gradisca d’Isonzo e alla sua storia, oltre
ad amministratori degli Enti locali competenti in materia.
L’obiettivo della manifestazione è quello di analizzare lo stato di
conservazione delle strutture ed elaborare proposte concrete di
tutela, restauro e riutilizzo delle stesse, per fini
turistico-culturali, da portare all’attenzione degli Enti Pubblici
Locali, affinché vengano stanziate adeguate sovvenzioni che tutelino e
valorizzino il patrimonio storico gradiscano, troppo a lungo
dimenticato.
Al fine di meglio pubblicizzare l’iniziativa verrà tenuta una
conferenza stampa mercoledì 5 ottobre alle ore 10 presso il Comune di
Gradisca d’Isonzo, durante la quale gli organizzatori illustreranno
l’evento e ne spiegheranno le finalità assieme all’Assessore alla
Cultura del Comune di Gradisca, Paolo Bressan.
Per ulteriori informazioni si rimanda al link:
http://www.gagoriziano.org/attivitasvolta/2011/ar2011_pieghevole.pdf.
Si ricorda inoltre che allo stato attuale per gli interessati sono già
aperte le iscrizioni per la visita, organizzata dal Gruppo
Archeologico Goriziano, alla mostra “Venezia che spera. L’unione
all’Italia (1859-1866)”, dedicata all’epopea risorgimentale veneziana
nell’anno delle celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità
d’Italia. È previsto il viaggio in treno fino a Venezia, con partenza
dalla stazione dei treni di Gorizia e rientro nel tardo pomeriggio.
Per informazioni, prenotazioni e costi, si prega di voler telefonare
alla Sig.ra Nataša, cell. 345 4868741 (ore serali). La chiusura delle
prenotazioni è prevista entro e non oltre domenica 16 ottobre. Nel
caso in cui non vengano raccolte le 15 adesioni minime per la
partecipazione alla mostra, la visita verrà annullata.

Gruppo Archeologico Goriziano
C.R.C. “C. Seppenhofer”


Gruppo Archeologico Goriziano
c/o v. Contavalle 1, Gorizia
340 7897093 (Sveva, ore pasti)
posta@gagoriziano.org
www.gagoriziano.org

“Il cemento ideale di una comunità è formato dalla coscienza della
propria cultura e dalla capacità che abbiamo di conservarla e di
accrescerla.”
Ludovico Magrini

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *