Il dramma delle imprese

Gli scenari nel mondo dell’impresa, a ormai tre anni dall’inizio della crisi economica, sono più che mai tragici. In Friuli Venezia Giulia, nel solo settore del commercio, tre imprese al giorno sono costrette alla chiusura. Una situazione insostenibile per l’intero tessuto economico e sociale della regione. I dati arrivano dall’Osservatorio di Confcommercio e, nello specifico, dal vicepresidente dell’associazione, Lorenzo Marchiori.
Nella nostra regione, poi, sta calando vorticosamente il tasso di fiducia delle imprese e degli imprenditori: soltanto nel terzo trimestre di quest’anno sceso dal 45,6 al 60,9, ovviamente in negativo. Una discesa libera che preoccupa gli esperti, anche se c’è da dire che nel resto del Paese la situazione è addirittura peggiore, con medie che superano il -75. Tra le quattro province, Gorizia è quella messa peggio con il -40, seguita nell’ordine da Pordenone (-35,2), Udine (-28,8) e Trieste (-24,6), fanalino di coda, dove si registra persino un certo ottimismo per l’ultimo trimestre dell’anno.
In conclusione, tornando sulle parole di Marchiori, è stato invocato un aiuto dal mondo della politica, unico capace di iniettare un po’ di fiducia per il futuro, ma dal quale -sempre pre Marchiori- non arriva nessun tipo di impulso, da Roma alle amministrazioni locali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *