Il comune sia amico di chi vuol fare impresa

Un Comune dalle parte di chi vuol fare impresa. È il concetto che ha voluto esprimere Giuseppe Cingolani, mercoledì sera al secondo confronto fra i candidati alle Primarie, incontrando le varie associazioni di categoria e i sindacati presenti. «La priorità è attirare nuove imprese per creare posti di lavoro, in tutti i settori – è il punto di partenza del ragionamento di Cingolani – Gorizia ha le potenzialità per farlo, puntando proprio sui settori innovativi, come l’edilizia sostenibile, le energie alternative, la green economy in generale. Solo creando posti di lavoro possiamo invertire il trend demografico della città, e solo con una popolazione di nuovo in crescita potremmo rivitalizzare anche il commercio e il ruolo della città.»
Come fare tutto ciò? Per Cingolani le imprese si attirano se trovano un’amministrazione efficiente: «Il Comune deve essere un “amico” per chi vuol far impresa, non un ostacolo», per questo il primo passo sarà raggiungere un’intesa tra tutti gli enti coinvolti, dall’Arpa all’Azienda sanitaria, al Comune e alla Provincia, per garantire tempi certi e rapidi per le autorizzazioni edilizie ed ambientali per le nuove attività produttive: un vero e proprio “Sportello per l’edilizia”.
Il secondo punto fondamentale sono le infrastrutture: indispensabile il raccordo ferroviario Ronchi Nord-Ronchi Sud, per non tagliare fuori Gorizia, e il rapido completamento dei lavori sulla 56bis.
E infine un occhio di riguardo alle cooperative sociali: se Cingolani diventerà sindaco, uno dei suoi primi atti sarà la sottoscrizione di un Protocollo d’intesa con il mondo cooperativo per garantire una quota di affidamenti riservati alle cooperative sociali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *