Il Breg ferma l’Ardita

È arrivata sul campo del Breg San Dorligo la settima sconfitta stagionale per l’Ardita Gorizia, che si è vista staccare in testa alla classifica proprio dal team triestino, nello scontro diretto che potrebbe decretare la pole position per la griglia dei playoff. A tre partite dal termine della stagione regolare, in vista anche del 2-0 a favore dei triestini negli scontri diretti, le speranze per Gorizia di iniziare i playoff da prima della classe sono ormai poche.
Chi si aspettava un Breg dimesso a causa delle assenze di Giacomi e Sasa Ferfoglia ha dovuto ricredersi in fretta, i padroni di casa hanno messo grande intensità in avvio e al 3’ si sono portati sul 7-4 con un fallo e vale di Samec. La risposta isontina è arrivata a metà frazione, producendo un break di 10-2 che ha proiettato la Gianesini sul +5 (9-14) grazie alle giocate in velocità che hanno mandato a canestro Marcetic, Petrovic, Basile e Musulin. È stato l’unico momento di grande Ardita in tutto il match. Il Breg infatti ha reagito da par suo e con un contro-break di 8-0 ha chiuso il quarto avanti 17-14.
Inerzia tutta per gli uomini di Krasovec all’inizio della seconda frazione: Samec spadroneggia nel pitturato, Klarica colpisce da fuori, al 3’ Breg a +8 (28-19).
Nel gioco degli allunghi e dei rientri si registra il parziale di 10-2 dei goriziani sull’asse Petrovic-Luppino (30-29 all’8’) , ma 4 punti in striscia di Kristian Ferfoglia hanno consentito al Breg di andare al risposo con 5 lunghezze di margine.
Il match si decide nel terzo quarto, quando la difesa dell’Ardita concede ben 25 punti ai locali, scivolando fino a -18. Dopo la tripla del -2 (39-37) di Luppino, il Breg vola via, Basile inanella quarto e quinto fallo in un amen, Schillani e Klarica firmano l’allungo a suon di triple. Alla Gianesini non bastano 5 punti in striscia di Petrovic per restare in scia alla squadra di casa, che a cavallo degli ultimi due quarti ha capitalizzato i secondi tiri catturati da Visciano per portarsi sul 62-44.
A quel punto è entrato Gandolfi per cercare di dare una scossa, ed è stato proprio il capitano biancoblù l’artefice del mini-break (6-0) che ha tenuto in vita le speranze goriziane.
La Gianesini ci ha creduto nel finale: uno 0 su 2 di Grimaldi dalla lunetta in mezzo alle triple di Luppino e Petrovic ha fatto sì che il distacco fosse ridotto a 7 punti con 1’ e 22” da giocare. L’Ardita ha recuperato un altro pallone, ma ha gettato alle ortiche un possesso chiave, e il Breg ha messo in cassaforte i due punti negli ultimi 80” con i liberi di Schillani e Ferfoglia.
L’analisi di coach D’Amelio a mente fredda: “Abbiamo dimostrato di non essere ancora pronti per questo tipo di partite. Loro hanno sopperito alle assenze mettendoci tanta intensità, giocando un basket molto fisico, con la giusta cattiveria agonistica. Noi, invece, non ci siamo adeguati al metro arbitrale, e ce la siamo presa con i direttori di gara senza pensare a fare ciò che ci eravamo prefissati. Qualche nostro giocatore, purtroppo, fa fatica in gare come questa, Basile non può commettere 5 falli in 10’, ed è assurdo commettere il 5° su un loro contropiede: peccato, perché aveva dimostrato di poter mettere in difficoltà Visciano e Samec”.
L’allenatore biancoblù, a ogni modo, guarda il lato positivo della sconfitta. “Ci fa tornare coi piedi per terra, speriamo che sia un ko di quelli che aiuta a crescere. Se nei play-off torneremo qui per giocarci la promozione, dovremo fare tesoro degli errori commessi oggi”.

BREG SAN DORLIGO – GIANESINI ARDITA 84-71 (17-14, 34-31; 59-44)

BREG SAN DORLIGO Schillani 13, Grimaldi 6, Visciano 7, K.Ferfoglia 13, Robba 12, Samec 16, Bazzarini ne, Semec, Nadlisek ne, Klarica 17. Coach: Krasovec.

GIANESINI ARDITA Basile 3, Musulin 6, Vassallo, Pais 1, Luppino 20, Leban 2, Marcetic 8, Delpin 5, Gandolfi 8, Zuliani 1, Petrovic 17, Gianesini ne. Coach: D’Amelio.

Arbitri: Sacilotto e Badarac.
Tiri liberi: Breg 35/47 Gianesini 21/30
Usciti per 5 falli: Basile, Samec, Robba, Luppino e Marcetic
.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *