Il bilancio 2010 delle ‘Zone Blu’

E’ tempo di bilanci per un anno di attività della Cooperativa Sociale SIS, che gestisce per conto del Comune di Gorizia parte dell’attività sulle aree di sosta a pagamento e per il Comando della Polizia Locale dell’Assessore Fabio Gentile, che da quando il servizio è stato reinternalizzato nel 2009, ha fra le sue competenze la gestione delle aree blu.
E’ un bilancio molto positivo -afferma l’assessore Gentile- in quanto i ricavi derivanti dai parcometri sono in costante aumento. Ciò ci ha inoltre permesso, unici in regione, di concedere il sabato pomeriggio di sosta gratuito per tutto il 2011. Con questa misura -afferma Gentile che è anche assessore al commercio- si vuole cercare di invertire quella tendenza che porta molti clienti nei centri commerciali della regione e di oltre confine. Ovviamente l’abbellimento delle aree centrali, la progressiva pedonalizzazione e le iniziative che i commercianti speriamo riescano a mettere in piedi, fanno di Gorizia una città che cerca di ritornare ospitale ed attrattiva anche per chi vuole fare degli acquisti.
Con la SIS che gestirà ancora per il 2011 il sistema parcheggi di Gorizia si è instaurato un rapporto molto collaborativo e speriamo che a breve anche delle nuove iniziative possano mettere in condizione i cittadini di utilizzare il servizio con maggior facilità. Qualche problema -ammette l’assessore- lo dobbiamo risolvere invece con la Solari, che gestisce le riparazioni ai parcometri oltre alla loro fornitura, in quanto le nuove macchine installate, in tutto ben 12 sostituzioni nel 2010, circa un quarto dell’intero sistema, presentano dei problemi a causa del freddo e sopratutto dell’umidità. In questo caso, con la Solari, stiamo spingendo per la messa in funzione di appositi “scaldini” che servono a non far inceppare la carta. Con i sempre più frequenti “scassettamenti” anche il problema dei furti che nel 2009 era stato molto frequente, ora pare completamente debellato. I ladri infatti non rischiano per i pochi centesimi presenti nelle macchinette.
In merito ai dati veri e propri -assicura l’assessore Gentile- bisogna dire che la SIS sta lavorando molto, come richiesto dall’assessorato, sulle prevenzione e la comunicazione. ” Non vogliamo degli ausiliari che facciano “agguati” agli automobilisti -aveva detto Gentile- vorremo solo che tutti pagassero la loro sosta”. Così facendo anche le sanzioni (che ricordiamo essere da 23€), possono diminuire. Anche i tempi di tolleranza sono in genere aumentati e gli ausiliari del traffico, coscientemente, prima di passare alla sanzione verificano che la sosta non sia di breve durata. Ovviamente qualche caso e qualche lamentela non possono mancare -quasi a scusarsi, Gentile- ma le cifre sono molto chiare.
A fronte di un aumento delle entrate dei parcometri che ha portato gli introiti lordi a superare 800.000 € annui, abbiamo avuto una diminuzione delle sanzioni.
Nel corso del 2010 le sanzioni sono state 4382 contro le 5773 del 2009. Una diminuzione di 1391 sanzioni (meno 24,09%) pari a 31.993 € in meno.
Questo dato però è accolto con soddisfazione da parte dell’assessore alla Polizia Locale che ha chiesto maggiore tolleranza nei confronti dei cittadini anche perchè è bene sottolineare che ora i controlli sono svolti da 5 ausiliari che monitorano costantemente il territorio, mettendo in atto anche una certa prevenzione al parcheggio abusivo e non repressione. Inoltre -fa notare ancora Gentile- bisogna rammentare che tutti i sabati del dicembre appena passato erano gratuiti e che nel 2010 i parcheggi blu sono diminuiti per la pedonalizzazione.
Per quanto riguarda invece le vie dove si sono concentrate maggiormente le sanzioni, nel 2009 erano state Via Diaz (431) e Via Roma (421) mentre nel 2010 le vie con maggior numero di multe sono state Corso Italia (376) e Piazza Municipio (281).
Nell’analisi della provenienza delle autovetture, ovviamente a farla da padrone sono le autovetture con targa italiana che hanno totalizzato 3606 sanzioni a fronte di 2854 veicoli sanzionati. Questo dato infatti è derivante dal grosso numero di recidivi con due o più sanzioni ricevute nel corso dell’intero anno. Il totale delle sanzioni per le targhe italiane ammonta a 82.938€. Seguono gli sloveni: 687 sanzioni a 503 veicoli per un ammontare complessivo di 15.801€ e le autovetture con altra targa, europea e non, che hanno visto multati 59 veicoli per 89 sanzioni e 2047€.
La classifica dei peggiori, ovvero delle autovetture più recidive e che pagare il ticket proprio non lo vogliono, vede in testa una vettura slovena Volkswagen Golf con ben 30 sanzioni comminate. Rimanendo alla Slovenia i più multati sono una Toyota Corolla (15), una Mazda Premacy e una Fiat Punto (11). Per quanto riguarda i nostri connazionali i più cattivi sono Fiat Punto, Alfa Romeo 166, Mercedes C220 e Audi 4, tutte con 15 sanzioni. Dagli altri stati provengono invece una Alfa 159 della Germania (14), un Isuzu della Romania (7) e una Mercedes C180 della Bulgaria (5).
Nel corso di quest’anno -conclude Gentile- speriamo di riuscire a fare in modo che le aree siano meglio utilizzate, penso a Piazza Battisti che pure essendo al centro è spesso libera e sopratutto che la misura del parcheggio gratuito al sabato pomeriggio possa portare effettivamente dei clienti nella città, ma per questo è chiaro, che è necessario siano gli stessi commercianti a farsi promotori di iniziative e pubblicità. A breve inoltre il Comune farà ristampare i depliant illustrativi di tutto il sistema parcheggi a Gorizia, proprio per aumentare la conoscenza da parte di tutti. Esistono infatti molte aree che sono a parcheggio solo la mattina ed un centinaio di parcheggi in area B che costano solo 60 centesimi l’ora.
Sono convinto però -la chiosa finale di Gentile- che con le nuove vie, pedonali e bellissime, i goriziani stanno veramente riscoprendo il piacere di lasciare a casa l’auto e fare una passeggiata nelle vie centrali senza per questo dover nemmeno pagare un centesimo all’amministrazione.

Fonte:
Patrizia Artico
Responsabile Ufficio Stampa
Comune di Gorizia
tel. 0481 383 330
cell. 3337160414
patrizia.artico@comune.gorizia.it
ufficio.stampa@comune.gorizia.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *