Il Bastione rifiorirà

Il suggestivo scenario del Bastione fiorito, in castello, sarà, a breve, nuovamente a disposizione del Comune. Trasformata in discoteca o piano bar, la struttura, chiusa ormai da quasi cinque anni, era molto frequentata durante le serate estive, anche se il suo successo era stato in parte frenato dalle proteste dei residenti del Borgo Castello, per il via vai di auto e dei residenti di alcune zone del centro, disturbati dalla musica.
Il Bastione fiorito era stato affidato in gestione, fino al 2007, previa gara d’appalto, a una ditta che, successivamente, aveva avuto dei problemi che avevano portato al pignoramento delle attrezzature rimaste all’interno dello spazio concesso.
E’ notizia di questi giorni che i beni pignorati sono stati tutti venduti e i beni rimasti all’interno della struttura sono liberi da vincoli e, quindi, il proprietario sarà chiamato, a breve, a riprenderseli, liberando completamente lo spazio.
Sulla fruizione futura di questa spledida location estiva, non si sa ancora se si riuscirà ad attivarla già quest’anno, la giunta Romoli ha avviato un ragionamento “che dovrà, da una parte, affrontare i “nodi” legati ai disagi provocati dal volume della musica e al via vai di auto in Borgo Castello e, dall’altra, incastonare questo “gioiellino” nelle rete di strutture turistiche e ricreative dell’area che saranno valorizzate al massimo dalla presenza dell’ascensore, quando sarà realizzato. Durante le serate estive, infatti, il Bastione Fiorito, ovvero le manifestazioni che si potranno svolgere in quel luogo, potrà essere raggiunto con il collegamento meccanico, dal quale si potrà godere il panorama notturno della città”.

Patrizia Artico
Responsabile Ufficio Stampa
Comune di Gorizia
tel. 0481 383 330
cell. 3337160414
patrizia.artico@comune.gorizia.it
ufficio.stampa@comune.gorizia.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Il Bastione rifiorirà"

  1. Era ora…adesso speriamo che non ci siano i soliti guastafeste che preferiscono la morte della città al suo ringiovamento, e che si rendano conto DAVVERO che la città stà morendo !

  2. Il problema ed i commenti sono di…auspicio. Purtroppo, potendo vantare una certa esperienza nel settore, mi permetto di fare commento alla notizia. Il Bastione Fiorito è, da sempre, uno dei locali più belli della Regione. Intanto occorre però fare una premessa:ha senso OGGI aprire delle discoteche o locali prettamente notturni a carattere imprenditoriale? Ritengo, ahimè, di no. Le discoteche, fatte salve quelle estive in località balenari, che sono comunque alla canna del gas, sono praticamente morte. I costi di gestione, per una apertura (sabato) scarsa, non lo giustificano. Facile fare discorsi del tipo: “mancano i locali di divertimento” quando per poterli gestire professionalmente sono necessari quattrini pesanti. E la previsione anche di ingenti perdite, visto le serate di apertura proficua. Immaginare locale pieno al venerdì, sabato e domenica è immaginabile, nel 2011, nello stesso locale. La clientela gira…e non si “fidelizza” più.
    Torniamo al nostro bel castello ed al suo meraviglioso bastione fiorito. Immaginiamo le lamentele dei “castellani”…non è una novità. Insostenibile. E sono solo meno di 25 residenti. Poi ci sono quelli di Via Giustiniani e Via Cappella -ho i dati disponibili- che vengono disturbati dalla musica…portata dal vento! Un imprenditore , dopo rogne infinite, si chiede se il gioco ed i fastidi, valgono la candela. Risposta garantita: NO.
    Ma siccome amministrare significa anche dare delle soluzioni, penso che si potrebbe (consenso delle Belle Arti possibile) immaginare una copertura sul Bastione, rendendolo così accessibile non solo per i 3 mesi estivi, comunque piovosi…siamo a PIOVizia, ma anche per altre serate durante l’anno, con altri climi.
    Uovo di Colombo???????
    L’ascensore…
    Perchè? Perchè così si eliminerebbe il problema del traffico e degli inevitabili “fracassoni” in Borgo Castello (a disturbare i 25 residenti) e gli avventori potrebbero raggiungere il locale, senza sgasare o accendere le radio delle auto, con lo stesso ascensore.
    Fantascienza? NO!
    Diffusione sonora molesta: esistono da circa 10 anni le casse acustiche a “caduta” che garantiscono che il rumore giunga solo nelle orecchi di chi balla e si diverte e non oltrepassi il limite delle mura. I costi sono ormai accessibili per questa quasi oramai vetusta tecnologia. Andate alla Fiera SIB di Rimini e vedrete che cosa si può fare.
    E poi?
    Borgo Castello chiuso al traffico delle auto, fatto salvo quelle dei residenti che con un pass elettronico alzano una bella sbarra elettronica e PAGANO il parcheggio GARANTITO sotto casa.
    Mostre finalmente valide in castello, da raggiungersi con l’ascensore. La Piazza Seghizzi teatro ogni mese di un mercatino della Fiorvivaistica di Alpe-Adria. Il secondo week-end di ogni mese un mercatino dell’antiquariato, di classe, non la soffitta di Piazzutta, all’interno del Borgo. Una festa medioevale ogni tanto ed un raduno dei TOLKENIANI all’anno!!!
    Provocazione? Chiedere alla Provincia di affittare i locali della Lanterna d’Oro (che comunque è e resta, anche con la gestione attuale, un gran bel locale) alla succursale del Gianni di Via Morelli (questa è e resta una provocazione).
    Infine, tanto per gradire, con il bel tempo, una mostra assaggio dei vini del Collio, visto che l’Enoteca dell’Impero, bella che pronta e finanziata, Brancati e compagni l’hanno cancellata…
    Utopia?
    Forse sì…ma era un utopia anche più di 100 anni fa’ una società di ginnastica e sportiva che nasceva in Via Rismondo che aveva come motto: “Volere è Potere”

  3. Condivido in toto quanto scritto da Fabio. Sarebbe bello se la Trattoria Gianni si trasferisse in castello: finalmente vedremmo pascolare nel giardinetto i Tyrannosaurus Rex da cui provengono le titaniche Lubjanske.

  4. sono felice della condivisione critica di Spritz_Nero. Obbietto invece sul dinosauro. Il Tyrannosaurus Rex, essendo un predatore, non ha ne dimensioni ne caratteristiche alimentari compatibili con le Lubjanske in questione. Ci vedo meglio un Brontosauro o un Giganotosauro :)

  5. Finalmente un discorso serio:i dinosauri, cioè quei che ga fa un’ordinanza per serar i locai all’1. Disemolo che il principale problema imprenditoriale per un che volessi verzer un local a Go xe quel lì. Siccome il sindacosauro e la sua giuntasauro i fa ordinanze degne de Savonarola piuttosto che mandar i vigili a far il loro mestier anche de note,la gente no pol dormir. La location del Bastione Fiorito xe stupenda (e il terzo giorno la giunta Romoli creò il Bastione Fiorito, e vide che era cosa buona, Genesi, no me ricordo che passo).
    L’ascensor…hahaha per cortesia no ste farme rider tuti i sa che no resterà altro che un sbrego tal monte o al massimo una cragna de cimento che nissun dopra. Ma anche ammesso e non concesso che intun ano lo finirà, ciò ma se imaginè il merdaio che vegnerà fora con tutta la gente imbriaga che lo doprerà? Sarà qualchedun che controlla? Se sì, chi lo paga? Ghe sarà un biglietto? E secondo voi quanto xe disposta a pagar la gente per quel dislivel non esattamente messneriano? Chi vivrà vedrà, e in bocca al lupo ai fedeli dell’ascensorianesimo, soluzione a tutti i mali della vita!

  6. Si ma decidite miscredente: te vol l’ordinanza per no gaver gente ‘mbriaga in giro o te vol il “merdaio”? I vigili de notte, bella idea. Fossi per mi fasessi tenir verti de notte anche i supermercati e le banche.

  7. Ordinanza o no ordinanza, se un ga quela de tirar un balon va a ciorse de bever in coop. se te mandi i vigili nelle zone hot, forse xe meno merdaio.

  8. non voglio e non ho intenzione di aprire, anche qui, l’ennesimo topic sull’ascensore. Ma brevemente vorrei solo specificare che la Polizia è TUTTA. Non solo quella locale. Esistono i carabinieri, la polizia stradale e la finanza. Anche questi soggetti dovrebbero far rispettare le ordinanze e le leggi. Che sono anche i divieti di sosta, la velocità, il “merdaio” e chi lo crea, l’eventuale ubriachezza molesta.
    Anche io vorrei avere 90 vigili (urbani o locali come ora si chiamano) come udine, 45 come pordenone o 350 come trieste.

  9. Sono d’accordo con Fabio, nessuno investirebbe oggi in una discoteca che ormai appartiene al passato. Il castello è una location bellissima ma non è vantaggioso economicamente investire in un attività commerciale di qualsiasi tipo finchè non ci sarà un mezzo comodo, immediato, alternativo come l’ascensore, per salire e scendere da borgo castello. Forse per i 25 residenti è un retaggio del passato e riescono, di fatto, a condizionare la Città…AH AH, ma dov’è sono finiti i diritti di tutti gli altri Goriziani?

  10. hm…non xe question de verli/no verli, xe question de farli lavorar de note più che altro. no so che contratto i gabi però no saria mal.il decoro urbano lo mantien i vigili urbani, la restante polizia i podessi mandarla a caccia de criminai (quindi non a Gorizia, dove non succedi mai niente).saluti

  11. Se la gente necessita dei vigili per darsi una regolata la situazione è davvero triste. Della serie: “per colpa di qualcuno non si fa credito a nessuno”. Personalmente sono mesi che ho rinunciato all’aperitivo cittadino perché solo la vista delle 3.000 pattuglie di carabainieri e polizia mi mette una certa angoscia. Così come il costante dubbio di aver sforato lo 0,5 e tutte le conseguenze in caso di test etilometro. Vero è che se la loro presenza costante ed esagerata contribuisce a provocare uno stress costante è anche vero che probabilmente per lo stesso motivo è un deterrente per i criminali che, come si dice, a Gorizia non ci sono. O se ci sono vanno in giro in giacca e cravatta.

  12. I vigili sono dei dipendenti comunali, con un contratto speciale in virtù del loro incarico. Altrimenti starebbero a casa il sabato e la domenica come tutti. I loro orari di servizio sono determinati per legge (L.R. 9/09) e quindi non è che chi amministra (la giunta) può decidere di farli lavorare tutto il giorno, giusto o sbagliato, opportuno o non opportuno che sia. Si potesse “amministrare” come una cosa privata, forse qualcuno sarebbe più contento. Si potesse avere più personale, qualcuno sarebbe sicuramente più contento. Si potesse effettuare tutti i servizi che la cittadinanza desidera, tutti sarebbero più contenti. Ma non si può…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *