I Pensionati contro le antenne telefoniche

Non si placano le polemiche per l’installazione di una nuova antenna di telefonia mobile sul Calvario. E la vicenda, già nelle prossime settimane, è destinata ad approdare in consiglio regionale. Ad annunciarlo è il segretario provinciale del Partito Pensionati, Domenico Buonavitacola, che ricopre anche il ruolo di consigliere circoscrizionale di Piedimonte: «E’ inammissibile che si scelga ancora una volta il Calvario come terreno di conquista – attacca Buonavitacola -, per di più senza tempestivamente informare la comunità. Ritengo inoltre gravissimo che sia stata scelta un’area vicinissima alle abitazioni e, fattore ancor più preoccupante, a pochi metri dall’acquedotto, con tutti i rischi che ciò comporta». Il consigliere regionale dei Pensionati, Luigi Ferone, ha già predisposto un’interrogazione specifica da presentare all’assessore all’Ambiente, Luca Ciriani, per ottenere informazioni sulla questione.
I lavori per l’installazione dell’antenna sono iniziati nei giorni scorsi, scatenando le ire della comunità e del consiglio circoscrizionale: «Piedimonte ha già dato – riprende Buonavitacola -, basti pensare all’irrisolto problema dell’amianto negli ex stabilimenti del Cotonificio. E’ opportuno fare luce anche sui rischi di contaminazioni elettromagnetiche che potrebbero riguardare il vicino acquedotto. Senza dimenticare che il Calvario, alle prese da sempre con fenomeni franosi, è considerato a rischio geologico», aggiunge l’esponente del Partito Pensionati, che annuncia l’imminente avvio di una raccolta firme per protestare contro l’installazione del manufatto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *