I miei due… centeZimi…

Che a Gorizia non si potesse fare niente se non con tempi biblici e sempre e solo fuori tempo massimo cè ne eravamo accorti già da un pezzo ma, che qualcuno voglia bloccare il primo ed unico a memoria, tentativo di riqualifica del Borgo Castello era onestamente la prima volta, è sempre lodevole l’impegno civico intediamoci ma nella nostra città le uniche iniziative che suscitano un minimo di interesse sono dei comitati contro,contro qualunque cosa.
Adesso l’ascenZore, prima era la scuola della guardia di finanza in aeroporto,ed altre opportunità che nei decenni sono andate perdute per il solito, classico atteggiamento alla goriziana,del non se pol perchè non se pol…

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "I miei due… centeZimi…"

  1. Il comune ha avuto il coraggio di pensare alla città e non alle prossime elezioni portando avanti tutti i lavori che chiunque in città può notare. Lavori che venivano rimandati da anni e che stanno cambiando il volto della città. Certo non mi stupirei che in una città come la nostra il disagio momentaneo sovrasti, nell’animo dei cittadini, la bontà degli interventi ed i benefici che avremo.

  2. Le cose non vengono discusse i goriziani devono sempre subire le decisioni di gente foresta e quindi si incazzano. Tutto qua. Se invece di proporre progetti assurdi e velleitari si pubblicassero le idee e si cercasse di capire che ne pensa la gente, se ha suggerimenti osservazioni da proporre sarebbe diverso. Ma la destra del fare ( cosa non si è capito) non ha tempo da perdere.

  3. Per l’amor del cielo. Informare i goriziani si. Renderli partecipi decisamente no. Già dicono no a tutto. Se ci si siede ad un tavolo per discutere qualsiasi eventuale progetto arriveremmo ad avere storie simili al centro commerciale di Via III Armata. 20 anni di tira e molla ed il centro ancora non c’è.
    E intanto la Slovenia ci marcia su.
    E intanto i goriziani prima portavano i soldi in casinò e adesso invece li portano non solo sempre in casinò ma anche in discoteche, piscine, palestre, ristoranti e discount d’oltre confine.
    Se fai bianco vogliono nero se fai nero vogliono bianco.
    Ergo, si prendono le decisioni e basta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *