I 30 anni del Kulturni Dom di Gorizia

Il Kulturni dom ha rappresentato un riferimento fondamentale e di grande spessore nel panorama artistico culturale della città e sono certo che questa importante realtà continuerà a dare il suo contributo per la crescita di Gorizia”. Lo ha detto il sindaco, Ettore Romoli, nel corso dell’incontro, avvenuto in municipio, per ricordare i trent’anni del Kulturni Dom. Alla delefgazione, guidata dal presidente, Boris Peric e dal direttore, Igor Komel, il primo cittadino ha donato una targa in segno di riconoscimento per il ruolo e l’attività svolti in questi decenni dal Kulturni.
Il presidente Peric ha ricordato i momenti salienti dei trent’anni di vita di quest’ultimo mentre il direttore Komel ha ricordato come, per alcuni anni, dal 1994 al 1998, il kulturni sia stato l’unico teatro di Gorizia, quando il Verdi era ancora chiuso e non erano disponibili l’Auditorium e il Bratuz. In quel periodo gli spazi del Kulturni arrivarono ad ospitare anche 270 manifestazioni l’anno, diventando, di fatto, l’unico riferimento della città in quest’ambito. Il sindaco Romoli ha espresso, quindi, ujn ringraziamento “a tutti coloro che, in questi decenni, con passione e professionalità, superando tutte le difficoltà, sono riusciti a far diventare il Kulturni un elemento vivo e una parte integrante della storiza di Gorizia.

Patrizia Artico
Responsabile Ufficio Stampa
Comune di Gorizia

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *