Gusti e sagre, obiettivo sicurezza

Un altro giro di vite sulle manifestazioni del nostro territorio. Se già le sagre di Sant’Anna e di San Rocco hanno dovuto rispondere quest’anno all’applicazione della circolare Gabrielli, che ha previsto ad esempio il divieto di erogazione di bevande in vetro o lattine, per evitare situazioni spiacevoli e pericolose come quelle di piazza San Carlo a Torino in occasione dell’ultima finale di Champions League, altrettanto dovranno fare anche le prossime manifestazioni in programma nell’Isontino. Su tutte, Gusti di frontiera con barriere anti-camion e divieto di vendita di alcolici nei supermercati a ridosso dell’apertura degli stand, solo per citare due dei tanti provvedimenti assunti per garantire un elevato margine di sicurezza. Standard più elevati rispetto al passato, ai quali dovrà adeguarsi anche la “Sagra de le Raze”, in programma a Staranzano dal 28 agosto al 4 settembre. La commissione provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo ha infatti stabilito che in occasione dei tre appuntamenti principali del programma, vale a dire le tombole del 28 agosto e 4 settembre, e il concerto di Eugenio Finardi il 31 agosto, sarà necessario garantire il posizionamento delle barriere anti-intrusione ai varchi di accesso della festa, con la mente che inevitabilmente va all’attacco terroristico di Barcellona, segnalare le vie di fuga e far presidiare l’area della sagra da una squadra di steward, oltre a tutti gli altri provvedimenti già previsti nella circolare Gabrielli, come il divieto di utilizzare vetro e lattine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *