Gusti, conto alla rovescia

A poco più di ventiquattro ore dall’attesissima inaugurazione con Carlo Cracco, Benedetta Parodi e Tina Maze, il mappamondo di “Gusti di frontiera” ha iniziato a prendere forma. Strade chiuse al traffico già da qualche giorno per consentire l’installazione degli stand, che hanno iniziato a ripopolare i diversi borghi della kermesse, con la grande novità del Borgo Oriente e il Borgo Britannia che con la sua birreria all’interno di un tipico bus a due piani londinese si sposta da piazza Sant’Antonio a piazza Vittoria. Altra novità è quella del Salotto del Gusto, che proprio in piazza Sant’Antonio promette di offrire ai visitatori un’oasi di relax, in confronto alla folla che solitamente riempie le strade e gli stand di Gusti di frontiera, con incontri e dibattiti sul tema della cucina e dell’alimentazione. In questo nuovo palcoscenico della cultura a Gusti, domani alle 17 è in programma il taglio del nastro ufficiale della kermesse, mentre sempre domani alle 18 a impadronirsi del palco sarà la star televisiva Benedetta Parodi, che aprirà il ricco calendario degli appuntamenti del weekend. Nota al grande pubblico per aver ideato e condotto la rubrica “Cotto e mangiato” e poi “I menù di Benedetta” su La7, da due anni ha preso le redini della cucina di Real Time come conduttrice del talent di grandissimo successo “Bake off Italia”. A Gorizia presenterà anche il suo nuovo ricettario “Ricette in famiglia”, edito da Rizzoli, nelle librerie da pochi giorni. Venerdì invece toccherà a Carlo Cracco, che ritirerà il premio speciale Gusti di frontiera assegnato dalla guida “Venezie a tavola”. Intanto, messa a punto l’organizzazione dei volontari, tra i quali quest’anno anche diversi tirocinanti arrivati dal mondo universitario, che presidieranno come “Angeli”, questo il nomignolo che ormai hanno fatto loro, le porte della manifestazione, fornendo supporto a 360 gradi ai visitatori che arriveranno nella nostra città. Più attrezzati che mai, quest’anno gli “Angeli” sapranno esaudire anche ogni tipo di richiesta legata al “dove si mangia cosa?”, quindi elencando le specialità di ogni borgo, e fornire una breve descrizione dei piatti più particolari grazie al nuovo glossario del Gusto. In tutto i volontari quest’anno sono 31, di cui 11 veterani e 3 arrivati dalla vicina Slovenia. Età media: 23 anni. Indubbiamente un bel segnale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *