Grandine e danni nell’Isontino

Ha assunto i contorni della tragedia l’ondata di maltempo che ieri si è scatenata sulla nostra regione. Drammatiche, infatti, le conseguenze dei temporali che già nel pomeriggio si erano concentrati sulle zone montuose del Friuli Venezia Giulia, in particolare a Malga Chiampis, in val Viellia, dove un albero è caduto sopra la tenda di alcuni campeggiatori. Diverse persone sono rimaste schiacciate, una di loro non ce l’ha fatta. Si tratta di un 41enne del Belgio. I suoi compagni sarebbero rimasti feriti ma non in modo grave. Tante, tantissime, le richieste di soccorso arrivate comunque da tutta la regione al 112 del Nue, il numero unico di emergenza, che ne ha gestite più di 300 dall’inizio del maltempo. Tanto da richiedere l’intervento di 120 volontari della protezione civile di 24 gruppi comunali per il taglio di alberi e pulizia di strade. Nell’Isontino, si è registrata la caduta di un albero a Cormòns, in via San Quirino, ma anche di rami, tegole, bidoni trascinati dalle raffiche di vento e New Jersey (gli spartitraffico bianchi e rossi utilizzati per le nuove viabilità). Le zone più colpite sono state quelle di Staranzano, San Canzian, Capriva e Moraro. Sul Collio e sul Preval la pioggia si è trasformata anche in grandine, a tratti di dimensioni preoccupanti per i vigneti. I vigili del fuoco del comando provinciale di Gorizia sono stati chiamati in causa per un totale di 25 interventi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *