Grande successo della rievocazione storica sul Carso

A pochi giorni dai riti per la commemorazione dei defunti e dalle celebrazioni per la Festa dell’Unità nazionale del 4 novembre, si è svolta a San Martino del Carso una partecipatissima visita guidata alla Trincea delle Frasche, con l’intento di rendere onore ai caduti sul fronte orientale e ricordare i tragici episodi bellici avvenuti nell’ottobre del 1915 tra Castelnuovo e Polazzo. Ad organizzare l’evento, la sezione goriziana dell’Associazione Regionale dei Sardi, la sezione storica di San Martino del Gruppo speleologico carsico e l’associazione storico-culturale Fronte Orientale di Sdraussina.

Dopo il ritrovo alla Casa dei ricordi della Grande Guerra di San Martino, il centinaio di persone che hanno partecipato all’iniziativa si è trasferito al cippo Brigata Sassari: qui l’accompagnatore della Pro Loco di Fogliano Redipuglia, Giorgio Cian, ha illustrato gli scenari bellici sviluppatisi sul fronte carsico, fra Polazzo e Castelnuovo, durante l’estate e l’autunno di novantasei anni fa. I sanguinosi eventi costarono centinaia di vite, con perdite rilevanti tra i contingenti di numerosi reparti: contarono vittime la brigata Bologna, la Siena, la Sassari, la Brescia, i Bersaglieri e i volontari 22 ottobre. Centro di smistamento, ricovero ed ammassamento divenne la vicina località di Castelnuovo, da dove le truppe italiane potevano essere indirizzate per l’attacco verso le alture sovrastanti. Tra i reparti italiani si distinse la Brigata Sassari, che, il 23 ottobre 1915, riuscì a conquistare la Trincea delle Frasche, «dimostrando grande valore e coraggio», ha sottolineato Cian.

Al termine della presentazione storica, la visita è proseguita con un percorso a piedi lungo i sentieri carsici, sino alla Trincea delle Frasche, dove il pubblico ha potuto visitare una galleria e i resti di una trincea scavate nella roccia. Presenti i rievocatori, sulle cui uniformi ed equipaggiamenti sono state fornite dettagliate spiegazioni da parte di Roberto Semenzin del Gruppo Sentinelle del Lagazuoi. Quindi gli spettatori hanno potuto assistere alla simulazione di una scena di battaglia, animata dai figuranti delle associazioni Fronte Orientale di Sagrado, Sentinelle del Lagazuoi (Ferrara), Kaiserschutzen del I° Trient di Rovereto, Drustvo Soska Fronta di Nova Gorica. Il link per visualizzare i filmati ripresi durante la rievocazione è disponibile sul sito www.fronteorientale.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *