Grande guerra a palazzo

Un vero viaggio nel tempo. Entrare a palazzo Lantieri, fino alla fine di maggio, significa proprio questo, lasciarsi trasportare da abiti d’epoca, uniformi militari, documenti e oggetti di uso quotidiano che vogliono rappresentare le varie sfumature della vita nella nostra città negli anni della Prima guerra mondiale. “Gli addii. Da Vienna a Roma, 1914-1918”, questo il titolo dell’esposizione che come detto resterà nel palazzo di piazza Sant’Antonio ancora per quasi due mesi, mentre lo scorso weekend ha potuto impreziosirsi ulteriormente grazie alla rievocazione storica all’interno delle sale, nelle cantine e nei cortili del palazzo. Fondamentale la collaborazione tra Palazzo Lantieri e la Pro Loco di Fogliano Redipuglia, il gruppo di rievocatori “Monte Sei Busi”, l’associazione “Marino Simic” di Trieste e i rievocatori del “Drustvo Soska Fronta” di Nova Gorica. Senza contare chi ha contribuito con la propria collezione di abiti e oggetti che, oltre che dagli archivi di Carolina e Clementina di Levetzow Lantieri, arrivano dalle collezioni private di Tina Campailla, Michele Pasti Tenuta Vallesina, Adriano Ceccherini e Giuseppe Campanaro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.

Clicca su un’immagine per ingrandirla. Muoviti tra le immagini con le frecce della tastiera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *