Gorizia al meeting sul diritto umanitario

Nella attuale situazione sociopolitica mondiale dove guerre civili ed attacchi terroristici sono all’ordine del giorno alcune delle tematiche che tengono maggiormente banco tra gli studiosi sono quelle legate al diritto internazionale ed i problemi umanitari inevitabilmente connessi ad esso. Al fine di analizzare queste pressanti questioni ed impostare delle linee d’azione comuni è stata organizzata la 27esima tavola rotonda per gli esperti del settore sul tema “La distinzione tra i conflitti internazionali e non internazionali, quali sfide per il diritto internazionale umanitario”. Tra i i 270 partecipanti provenienti da oltre quaranta Paesi diversi ed appartenenti al mondo accademico, diplomatico e militare hanno trovato spazio in particolare l’Avvocato Marzia Cuomo, consigliere giuridico e responsabile DIU provinciale di Gorizia, ed un gruppo di volontari della Croce Rossa del Comitato locale goriziano, i quali hanno avuto la possibilità di contribuire all’analisi e gli studi effettuati nella tre giorni grazie alle esperienze maturate in anni di lavoro e ricerche sull’argomento. Al termine del convegno è risultato più che mai evidente che alla luce del sempre mutevole quadro strategico mondiale e della situazione critica di Yemen, Iraq, Siria, Libia e Afghanistan è più che mai indispensabile un’azione mirata per ottenere un maggiore rispetto del diritto internazionale umanitario da parte dei gruppi armati non statali e dell’applicazione delle norme riguardanti i diritti umani nei conflitti armati mentre gli interventi dei relatori di grande caratura e di conflitto ha contribuito ad arricchire le conoscenze dei partecipanti riguardo alla situazione delle aree di crisi nel pianeta che altrimenti sarebbero potute passare sotto silenzio o addirittura ingiustamente ignorate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *