Gli “osei” che fanno discutere

La sagra dei Osei non smette di dividere il pubblico, tra chi fiancheggia i movimenti animalisti e chi invece sta dalla parte degli organizzatori e degli allevatori.
Oggi, prima giornata di esposizioni, numerosi animalisti si sono ritrovati a Sacile per manifestare contro la tradizionale mostra di volatili e altri animali. Per i manifestanti, la sagra è un atto di sfruttamento nei confronti degli animali e di violenza poiché tenuti in gabbia. Alla questione è stato dato rilievo nazionale e più di qualcuno ha detto la sua. Tra loro, l’ex Ministro Michela Vittoria Brambilla, nota per le proprie posizioni in difesa degli animali, e la cantante Romina Power, anch’essa per la liberazione dei volatili.
Al coro si è aggiunto il commento di Daniele Molmenti, oro olimpico nel kayak K1 a Londra, che ha partecipato alla cerimonia di apertura della sagra. «Godetevi la mostra anti-bracconaggio – ha dichiarato l’atleta del Corpo Forestale – ma poi aprite le gabbie e liberate gli uccelli».
Mentre la risposta alle critiche è arrivata da Franca Busatto, presidente della Pro Sacile, l’associazione che ogni anno cura la mostra, secondo cui la manifestazione è lontana da quando erano esposti gli animali catturati dai cacciatori. Oggi, dice, proprio avvicinandosi a quelli che sono i sentimenti ambientalisti, partecipano solo animali nati in cattività o da cortile.
La mostra, infine, ospita quest’anno 75 espositori con oltre 11mila uccellini, tra quelli in mostra e quelli che partecipano al concorso nazionale di canto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *