Giorno del Ricordo: riconoscimento a Gorizia

Nell’ambito delle celebrazioni per il giorno del Ricordo, il sindaco di Gorizia, Ettore Romoli, sarà a Roma giovedì 9 febbraio, al Quirinale, per ricevere, alla presenza del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il riconoscimento alla città “per l’accoglienza e l’integrazione offerta a migliaia di esuli giuliano- dalmati durante la fase dell’esodo”. A decidere di conferire l’attestazione al Comune di Gorizia è stata l’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, nel contesto del Premio “10 febbraio- Giorno del ricordo”, che ha l’alto patronato del presidente della Repubblica. “E’ un doveroso riconoscimento a una città che non solo ha accolto i profughi con grande umanità ma ha anche saputo integrarli nel proprio tessuto sociale e culturale facendoli diventare parte importante della vita cittadina – rimarca il presidente dell’Anvdg Rudi Ziberna-. Non so quante altre città sarebbero riuscite a compiere il “miracolo” di integrare un aumento del 10% della popolazione, com’è accaduto con l’arrivo dei profughi”.
Il sindaco Romoli ammette di essere commosso per questo evento “che riporta a un doloroso periodo della nostra storia, al quale la città di Gorizia ha saputo reagire con straordinaria dignità e fierezza accogliendo e sostenendo migliaia di persone costrette ad abbandonare e a cominciare una nuova vita ripartendo da zero. Gorizia le ha aiutate a non sentirsi sole in questo difficile momento”.

Patrizia Artico
Responsabile Ufficio Stampa
Comune di Gorizia

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *