Ex tram, il degrado avanza

Il comune di Gorizia spinge sull’acceleratore anche sul fronte dell’ex rimessa dei tram. La costruzione, che ormai a malapena si erige nel tratto di strada compreso tra piazzale Umberto Saba e l’imbocco di via Duca d’Aosta, è destinata a diventare l’emblema architettonico del nuovo attesissimo parcheggio a servizio dei tanti pendolari goriziani che, nonostante le ripetute rimostranze, sono ancora costretti a ricercare affannosamente un posto tra le vie limitrofe alla stazione e il vicino parcheggio del San Giovanni di Dio. Andando però a privare, in quest’ultimo caso, i pazienti dell’ospedale e i loro familiari dei posti auto a loro destinati. La giunta comunale guidata dal sindaco Ettore Romoli ha deliberato le disposizioni per procedere con la gara pubblica attraverso la quale sarà individuato il soggetto che dovrà occuparsi dei lavori urgenti di messa in sicurezza dell’immobile. Lavori per i quali è prevista una base d’appalto pari a 158 mila euro, di cui 32.013 per oneri di sicurezza. Il comune dovrà effettuare ora un’indagine di mercato e pubblicare un avviso pubblico per individuare almeno dieci soggetti idonei a partecipare alla gara. I lavori di messa in sicurezza saranno propedeutici al più massiccio intervento di trasformazione della degradata rimessa e dell’attigua area verde, anche questa ridotta in pessime condizioni, in un parcheggio con tanto di uno spazio polifunzionale, da ricavare proprio all’interno della vecchia rimessa, completato anche da un info-point turistico, uno spazio per uffici, un negozietto di libri e souvenir e un punto ristoro. Il parcheggio conterà in tutto 63 posti auto, di cui 2 riservati a persone diversamente abili, 10 posti saranno riservati a moto e motorini, mentre accanto all’ingresso che sarà realizzato in piazzale Saba si troveranno 40 postazioni per depositare le biciclette. Al parcheggio sarà possibile accedere in auto dalla strada laterale che costeggia il retro della rimessa. A pochi metri da questo, sarà ricavato anche un ingresso pedonale, mentre le biciclette potranno entrare dal piazzale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *