Enrico: «Blasig pensi al loculo»

Pareva strano che, a circa due settimane dal weekend elettorale, le dichiarazioni dei “pretendenti” fossero così pacifiche e tranquille. Raramente in disaccordo con gli altri, sfiorando il paradosso di essere in disaccordo con se stessi, Simonetta, Enrico e Stefano sembra abbiano fatto del fair-play politico la principale arma di seduzione di massa (elettorale).
Se ci viene in mente poi che fra due weekend si voterà anche per i comuni di Grado e Monfalcone (i più popolosi dopo il capoluogo) il fatto che i toni fossero ancora così pacifici sembrava ancora più strano.
Le botte ci sono state, certo; le risposte non sono mancate, d’accordo, ma ci siamo spostati di poco dal “andrebbe migliorato questo” o “smonteremo questo” e “ridisegneremo quell’altro”. Chiacchiere, per ora.

Luigi Blasig, candidato sindaco a Monfalcone per la lista CambiAMO Monfalcone. A quanto pare, vivo e vegeto. Per aggiornamenti chiedere in Provincia.
Oggi finalmente, con una triste quanto fuori luogo caduta di stile del Presidente della Provincia di Gorizia in carica, Enrico Gherghetta, gli animi potrebbero accendersi.
Ripercorrendo i fatti, Enrico, elencando le attività alle quali un settantacinquenne dovrebbe dedicarsi invece che ambire alla poltrona di Sindaco di Monfalcone, ha fatto riferimento ad una macabra attvità: pensare a trovarsi un posto dove riposare. In pace e per sempre.
La scintilla era scattata, e a farla diventar fuoco c’ha pensato l’avversaria di Enrico: Simonetta.
L’oramai ex Sindaco di Villesse è rimasta shockata. Come si fa, avrà pensato, a far baruffa sulle elezioni degli altri? Eh già, perché Enrico non ha attaccato un suo avversario, ma l’avversario di una sua compagna. Il che può solo rendere la vicenda di cattivo gusto.
Pensando alla situazione non sempre eccellente (tante, troppe volte nemmeno sufficientemente accettabile) dei campisanti locali, quello di Enrico, più che un triste invito a ritirarsi dalla vita politica, potrebbe persino sembrare un tristissimo sfottò. Facile a dirsi, potrebbe infatti confermare qualcuno che di cimiteri ha più esperienza, perché di questi tempi non sembra essere né facile né economico affidarsi a questo tipo di sistemazione.
Da Simonetta, intanto, è arrivata la solidarietà a Luigi Blasig, che, con tutte le sue 75 primavere, di cercar casa (eterna) non sembra aver voglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *