Dopo Gusti, le pizze di frontiera

Il Comune di Gorizia punta tutto sui grandi eventi. Gusti di frontiera, èStoria e gli altri appuntamenti che già arricchiscono il calendario della cultura goriziana sono destinati ad essere presto affiancati da almeno un evento al mese. La prima idea, annunciata dal sindaco Rodolfo Ziberna, è quella di lanciare “Pizze senza frontiere”. L’evento dovrebbe essere proposto in primavera, tra la fine di maggio e l’inizio di giugno, per animare l’area del mercato all’ingrosso tra le vie Boccaccio e Santa Chiara. «Chiameremo una ventina di pizzaioli» spiega il sindaco, «ai quali sarà assegnata una regione del mondo. A questa dovranno ispirarsi per condire le proprie pizza. Ad esempio a chi sarà assegnato il Giappone potrà fare la pizza con il sushi. Gorizia ha bisogno di almeno un evento al mese, chiaramente di dimensioni ridotte rispetto a Gusti di frontiera, per lanciare un messaggio importante agli amici della Slovenia, dell’Austria e del resto della nostra regione: venite a fare la vostra gita fuori porta a Gorizia». «Ormai Gusti è diventato un avvenimento familiare» ha aggiunto, «nelle famiglia si approfitta di battesimi, matrimoni, cresime e prime comunioni per incontrare parenti che abitano lontani, e oggi anche Gusti si inserisce tra le occasioni da sfruttare per vedere vecchi amici e parenti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *