«Cpr a Gradisca è follia»

In attesa delle disposizioni ufficiali da parte del governo alla prefettura di Gorizia, il sindaco Ettore Romoli si schiera apertamente contro l’apertura del centro permanente per il rimpatrio (Cpr) dei richiedenti asilo. «Inaccettabile, siamo alla follia, non si possono prendere in giro cittadini e istituzioni in questo modo» tuona Romoli, «la decisione di aprire il Cpr a Gradisca distribuendo però contestualmente gli attuali 500 ospiti del Cara
nei comuni dell’Isontino è assurda. Ci opporremo con tutte le nostre forze». «Visto che in questi anni non si è mai riusciti a imporre nulla alla altre realtà è evidente che la gran
parte di questi finirà a Gorizia» ha aggiunto il sindaco, «e a questo punto sarò molto chiaro fin da subito: di fronte a questa nuova, assurda, incredibile scelta di governo e Regione ci opporremo con ogni mezzo, se sarà necessario anche mobilitando i cittadini. La misura è colma».

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *