Corso Italia, cambio di programma

Contrordine sul cronoprogramma della riqualificazione di corso Italia. La decisione è arrivata al termine di un confronto che ieri sera ha richiamato in comune tutti i commercianti interessati dai lavori. Non si procederà più a “ping pong”, saltando da un lato all’altro del corso, ma si proseguirà sul medesimo lato del corso. Entro Pasqua sarà completamente terminata la prima metà del primo lotto, dal teatro a via Cascino, dove le lastre dei marciapiedi in pietra d’Aurisina e dei controviali in porfido, già posizionate, stanno contribuendo a creare un primo colpo d’occhio su quello che sarà l’aspetto definitivo delle nuove “ali” di corso Italia. Entro la fine di aprile l’intervento sarà concluso sull’intero primo lotto, fino a via XXIV Maggio, e contemporaneamente sarà aperto il cantiere di scavo nella prima parte del secondo lotto, dallo stesso incrocio fino al palazzo dei Tre Portoni, già sede della Provincia. Ogni lotto richiederà fra i due mesi e mezzo e i tre mesi di lavoro, quindi il secondo dovrebbe concludersi tra la metà e la fine di luglio. A seguire, il terzo e il quarto lotto occuperanno rispettivamente i tratti del corso da via Bellini a via Rossini e quindi fino a via Canova. Qui i lavori dovrebbero essere leggermente più spediti e concludersi entro Natale. A gennaio il cantiere potrà trasferirsi dall’altro lato del corso, ricominciando dalla parte alta, quindi davanti al vecchio cinema. Il lotto successivo porterà il cantiere a occupare il tratto compreso tra via IX Agosto e via Locchi, e infine tra via Locchi e via Pitteri. La conclusione dei lavori, che non dovrebbero fermarsi nemmeno durante il weekend di Gusti di frontiera, è prevista tra la tarda primavera e l’estate del 2018. Condizioni meteorologiche e imprevisti permettendo. Già il primo lotto, infatti, ha regalato agli operai qualche sorpresa di troppo, legata in particolare alle condizioni dei cavi della rete elettrica e delle tubazioni del gas che hanno provocato un ritardo quantificato in una ventina di giorni. «Questi piani potranno chiaramente essere rivisti in futuro» ha commentato il sindaco Romoli, «ma l’intenzione è quella di ammorbidire il più possibile il disagio per i commercianti della zona, per questo nei mesi estivi si cercherà di lavorare lungo tratti del corso dove non sono presenti esercizi pubblici, e allo stesso modo quando ci avvicineremo alle festività natalizie cercheremo di tenere il cantiere in zone dove non insistono negozi». Soddisfatto dall’esito dell’incontro anche il presidente dell’Ascom, Gianluca Madriz. «Abbiamo varato una proposta congiunta e condivisa con il sindaco» il suo commento, «raggiungendo quello che secondo me è il compromesso migliore tra le esigenze dei commercianti e della ditta che sta realizzando i lavori».

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *