Continuate così

Non poteva andare meglio l’esordio dell’Ardita al PalaBigot. Mai in discussione una vittoria maturata già nella prima metà della gara, con un allungo di quasi 30 punti. Un margine di sicurezza che ha dato i due punti ai goriziani nonostante diversi cali nel terzo e quarto periodo, fermando il risultato finale sul 78-63, in piena rimonta veneta.
I biancoblù, insomma, hanno onorato il campo. Un campo che hanno sognato per mesi e che ora è finalmente tornato a vivere. Prima che di sport, anche di pubblico. Ma la squadra lascia ancora più interrogativi che certezze. Antena è super, capace di risolvere le situazioni più complicate come un funambolo. Ma in quelle situazioni ci finisce troppo spesso. Sotto le plance, il solito grande Basile, a cui però andava trovato un cambio. Nei (pochi) momenti in cui D’Amelio gli concede di riprendere fiato, Fornasari mette in luce troppi difetti. Buon lottatore sotto canestro ma troppo impreciso al tiro. Il lavoro a D’Amelio non manca, ma l’obiettivo promozione non dovrebbe essere troppo complicato da raggiungere.
Domenica, sempre alle 18, l’Ardita sarà impegnata sul campo di Oderzo, espugnato ieri sera dall’altra isontina, l’Alba Cormòns (64-56), prima nel girone a punteggio pieno. E poi sarà già derby.

Clicca su un’immagine per ingrandirla. Muoviti tra le immagini con le frecce della tastiera.
[Not a valid template]

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Continuate così"

  1. Ma… chi ha scritto questo articolo? Si è mai interessato dell’Ardita o di basket?
    1) Basile… non è esattamente il 4 titolare ma diciamo che è il cambio di Max Vecchiet e Davide Vecchiet.
    2) Obiettivo promozione? Quando mai l’Ardita ha parlato di promozione? Hanno sempre detto, e la squadra costruita ne è la prova, che questo sarà un anno di consolidamento per testare la categoria… non per essere promossi. Ci sono almeno 3-4 squadre a noi superiori nel girone, che comunque rimane di “scarso” valore.
    Non illudiamo la gente per favore, Gorizia non ne ha bisogno.

  2. …per fortuna siamo ancora in democrazia e quindi liberi di poterci esprimere. Ma quanto livore sospetto nel suo commento! Incoraggiare, sostenere e ambire a un futuro migliore per l’Ardita, unica bandiera di un basket glorioso, non ci sembra un peccato né un illudere la gente che senz’altro è dotata di intelligenza autonoma checché ne pensi lei. Comunque forza Ardita e… ad maiora.

  3. Meglio esprimersi raccontando la realtà dei fatti, nel mio commento nessun livore, anzi.
    Sono uno dei primi tifosi della società della stella e sono ben che contento della vittoria alla prima nel PalaBigot rimesso a nuovo. Ma abbiamo vinto contro chi? Sanve aveva fuori 4/5 del quintetto base, e hanno giocato per lunghissimi tratti con ragazzini di 16/18 anni, la squadra di sanve per come è scesa in campo valeva una bassa, e forse sono buono, C Regionale. Si doveva vincere di 50, non di 15…
    Più che altro bisogna raccontare la realtà dei fatti…anche per come, già dal mercato estivo, l’aveva dipinta il presidente Falzari, ovvero un campionato di transizione per capire la categioria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *