Confiscati appartamento e soldi

Un appartamento di pregio in centro a Gorizia, del valore di 200 mila euro, e 40 mila euro trovati su un conto corrente sono stati confiscati a uno sloveno dalla guardia di finanza di Trieste. Il tutto in esecuzione di una sentenza emessa dal Tribunale della nostra città nei suo confronti. Sentenza che lo condannava a un un anno e 11 mesi di reclusione per riciclaggio di 300 mila euro derivanti da frode fiscale. L’uomo, residente a Nova Gorica, secondo un comunicato delle fiamme gialle «risultava intestatario di numerosi conti correnti dove versava assegni e prelevava denaro». Gli inquirenti «avevano accertato che gli assegni erano stati emessi da due amministratori di una società vicentina per far perdere le tracce del denaro originato dalla frode fiscale, reato per il quale entrambi sono stati condannati dal Tribunale di Vicenza». Appartamento e denaro confiscati ora entrano a far parte del patrimonio dello Stato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Confiscati appartamento e soldi"

  1. Vorrei sapere se questo trattamento e riservato anche a politici,a gente di alta finanza,e intoccabili…
    Tutto ciò è giusto ma sarebbe anche giusto,l’uguaglianza tra la gente

    LUGUA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *