Confcommercio verso il Madriz-bis

La giunta esecutiva di Confcommercio Gorizia si esprimerà oggi sul nome del suo nuovo presidente. Salvo sorprese, sarà quello dell’uscente Gianluca Madriz, che ha già dato espressamente la propria disponibilità a reggere l’incarico per un altro quinquennio, fino al 2022. La giunta si riunirà nella tarda mattinata, ma intanto Confcommercio ha individuato i Piero Aita il nuovo capogruppo dei pubblici esercenti. «Il nostro è un settore che apparentemente meno di altri ha accusato la crisi diffusa, e le chiusure hanno interessato soprattutto le attività con minore esperienza, una selezione naturale inevitabile» ha spiegato il neo capogruppo, «ma d’altra parte ha oneri importanti, obblighi formativi, rifiuti, licenze per la diffusione musicale, che pesano come macigni. Per questo è indispensabile interagire con i Comuni per prevenire che le preoccupazioni fondate nutrano ostilità». Aita nel suo primo intervento trova il tempo anche per una battuta sull’ordinanza anti-schiamazzi. «Ne ho discusso con Gianmarco Zotter (presidente mandamentale Confcommercio, ndr), più che una questione da capigruppo pubblici esercizi è una questione mandamentale» ha spiegato Aita, «proprio perché ci opponiamo con forza a chi vuole ridurlo a un match tra cittadini che rivendicano il diritto alla quiete e imprenditori molesti: siamo distanti anni luce da questo scenario. Si tratta piuttosto di affrontare, ancora una volta assieme all’amministrazione, il tema di garantire servizi e tutela, nel rispetto delle regole e dei mercati, a tutti i cittadini».

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *