Comunali, 9 candidati

Nove nomi in lizza per il dopo Romoli. Definito il quadro dei candidati sindaci che il prossimo 11 giugno i goriziani ritroveranno sulla propria scheda elettorale per il rinnovo del primo cittadino e del consiglio comunale. I candidati sono, in rigoroso ordine di presentazione: Rodolfo Ziberna, Giancarlo Maraz, Ilaria Cecot, Roberto Collini, Silvano Gaggioli, Andrea Picco, Federico Portelli, Roberto Criscitiello e Franco Bertin. Sarà escluso dalla corsa, per non aver raggiunto il numero richiesto di sottoscrizioni, il decimo candidato Renato Fiorelli.

Liste e coalizioni
Sei candidati su nove si presentano all’appuntamento con le urne sostenuti da una sola lista di riferimento. Si tratta, nel dettaglio, delle liste Articolo 3 per Ilaria Cecot, Forum per Gorizia per Andrea Picco, Sinistra Unita per Roberto Criscitiello, Gorizia c’è per Silvano Gaggioli, Movimento popolare degli italiani per Franco Bertin e il Movimento 5 Stelle per Giancarlo Maraz. Tre candidati, Ziberna, Collini e Portelli, possono invece contare sulle rispettive coalizioni composte rispettivamente da 8, 4 e 2 liste. A sostegno del candidato azzurro si schierano Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d’Italia, Autonomia responsabile, Pensionati, Popolo di Gorizia, Aiutiamo Gorizia e Udc, a sostegno dell’ex giornalista Rai troviamo invece Percorsi goriziani, Pd, Gorizia è tua e Gorizia 100 sogni. Accanto a Portelli, invece, le liste Gorizie e Borghi. In tutto si contano quindi 20 liste per 664 candidati in consiglio comunale (a fronte di appena 40 posti disponibili).

Quando e come si vota
I goriziani saranno chiamati alle urne domenica 11 giugno dalle 7 alle 23 per il primo turno. Le schede saranno scrutinate a partire dalle 8 del giorno successivo, quindi il nome del sindaco si conoscerà intorno a mezzogiorno di lunedì 12 giugno. Se nessuno dei candidati dovesse superare il 50 percento dei voti, i due candidati più votati si contenderanno la vittoria al turno di ballottaggio in programma il 25 giugno. Domenica 11 si vota anche per il rinnovo del consiglio comunale. Sarà possibile per la prima volta esprimere la doppia preferenza di genere, che prevede che ogni elettore possa votare due candidati consiglieri purché appartenenti alla medesima lista e di sesso diverso. Per il rinnovo del sindaco, sarà invece consentito a Gorizia il voto disgiunto, che consente agli elettori di esprimere il proprio voto per uno dei candidati sindaci e per una delle liste collegate a uno degli altri schieramenti.

Gli altri comuni
L’11 giugno si voterà nell’Isontino anche a Cormons, Sagrado e San Canzian d’Isonzo. A Cormons si sfidano Lucia Toros (Uniti per Cormons e Progetto per Cormons), Simone Bressan (SiAmo Cormons) e Roberto Felcaro (Direzione Cormons e Start). A Sagrado Barbara Perazzi (Orizzonti comuni), Marco Vittori (Agire comune) e Annarella Birri (Rinascere a Sagrado). Infine, corsa a 5 a San Canzian: Ciro De Simone Sorrentino (Per San Canzian), Enzo Renato Basile (Movimento 5 Stelle), Claudio Fratta (Con Silvia Fare Centro, Sinistra responsabile e Pd), Roberto Rossi (Noi di San Canzian d’Isonzo) e Rossana Puntin (A sinistra).

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *