Cent’anni per la Sinagoga di Saba

La Sinagoga di Trieste.
La Sinagoga di Trieste.
Ha compiuto cent’anni la Sinagoga di Trieste, una delle più grandi d’Europa, è uno dei simboli della città di Saba.
Inaugurata nel 1912, è ricca di richiami all’oriente, a partire dalla Stella di Davide sui rosoni. Il richiamo dell’edificio è di assoluta bellezza. Anche gli interni, dove spicca la cupola sorretta dai 4 pilastri di marmo.
La comunità ebraica di Trieste conta oggi circa 600 persone. In passato, negli anni Trenta, arrivò a contare 6000 fedeli e ad avere tra le proprie fila personaggi del livello di Umberto Saba e Italo Svevo. Oggi la comunità è caratterizzata dalla capacità di servire i propri fedeli in tutte le loro necessità. Fanno infatti parte delle attività e dei servizi della comunità il bagno rituale (mikveh), una scuola elementare, una scuola materna, un oratorio, la Pia Casa Gentiluomo per l’assistenza agli anziani e il Cimitero.
Il capitolo più triste della storia del Tempio ebraico, come per l’intera comunità, fu senza dubbio la Seconda Guerra Mondiale. A quel periodo storico è legato un aneddoto: i soldati tedeschi fecero della Sinagoga un deposito di libri e opere d’arte. Devastata, la Sinagoga si salvò e, grazie a un ingegnoso nascondiglio, si salvarono pure i suoi argenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *