CariFvg,rischio sparizione?

Pensar male e’ sempre peccato,ma a volte ci si azzecca.Il gruppo Intesa-San Paolo,di cui fa parte CariFvg,ha presentato ieri,come riferisce il quotidiano “Messaggero Veneto”, il Piano d’impresa al 2017 che,tra l’altro,certifica la decisione di procedere a una semplificazione societaria.In pratica le banche controllate dovrebbero ridursi da 17 a 6 nel 2014-2015.Quindi sarebbe molto probabile la sparizione dell’Istituto di credito friulano-giuliano con tutte le conseguenze di cui parliamo da qualche mese.Uno scenario che dopo l’uscita dal grande gruppo torinese porterebbe CariFvg all’incorporazione in CariVeneto con grave perdita per Gorizia(sede legale),Udine(sede gestionale),e tutto il Friuli Venezia Giulia,oltre che per la Regione che dalla sua presenza nel territorio beneficia della compartecipazione sui tributi.Il grido d’allarme sul futuro di CariFvg e’ stato lanciato da tempo dalle istituzioni che a piu’ riprese hanno manifestato la contrarieta’ a una simile operazione.Ma ora sembra si sia arrivati alla stretta finale,e cioe’ che le ipotesi stiano diventando realta’.Cosa accadra’?Le nostre istituzioni e la nostra politica avranno la forza di bloccare l’operazione?Chissa’,forse si, ora che la presidente della Regione Serracchiani e’ al vertice del Pd.Non sara’ facile,comunque,visto che ormai l’Italia,e l’Europa,per non dire il mondo,sono in mano al potere finanziario.Ma forse nella sua atavica supremazia qualcosa sta scricchiolando.E’ di questi giorni,infatti,la notizia che la procura della Corte dei conti del Lazio ha deciso di aprire un’inchiesta per danno erariale a proposito del decreto legge Imu-Bankitalia,quello per capirci che ha dato 7,5 miliardi di euro alle banche.Vuol vederci chiaro in sostanza sulla rivalutazione delle quote passate da 300 milioni di lire a 7,5 miliardi di euro,appunto.Ma anche l’Unione europea ha espresso dubbi sul provvedimento che potrebbe configurarsi come un aiuto di Stato per le banche.Certo e’ che ieri come oggi,lo strapotere degli istituti di credito e’ stato eccessivo.Solo che ieri veniva mimetizzato dallo star bene della maggior parte dei cittadini,mentre oggi con la crisi drammatica che stiamo vivendo certi favoritismi fanno imbestialire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *