Capigruppo, nomine quasi pronte

Salvo sorprese, il consiglio comunale di Gorizia tornerà a riunirsi entro la fine di luglio. Una data utile potrebbe essere quella di lunedì 24 luglio. A patto che i gruppi consiliari comunichino in tempo utile e con largo anticipo rispetto alla scadenza prevista dalla normativa (15 giorni di tempo dalla seduta di insediamento) il nome del proprio capogruppo agli uffici di piazza Municipio. La nomina è infatti un atto indispensabile per procedere alla convocazione della conferenza dei capigruppo e, di conseguenza, per decidere la data della seconda seduta del consiglio. Tra i punti più attesi all’ordine del giorno non mancherà la prima votazione per eleggere il nuovo presidente dell’aula, con la maggioranza pronta a schierare Claudio Tomani. Ritornando ai capigruppo, al momento l’unico ufficialmente nominato è Franco Zotti (Lega Nord), ma i giochi sembrano fatti anche per gli altri gruppi di maggioranza. Fratelli d’Italia dovrebbero affidarsi all’esperienza di Sergio Cosma, Autonomia responsabile sarà rappresentata da Caterina Oropallo, Aiutiamo Gorizia da Francesco Piscopo e l’Udc da Luca Cagliari. Partita ancora aperta in Forza Italia, dove alla fine dovrebbe essere confermato Fabio Gentile, e nel Popolo di Gorizia, dove Riccardo Stasi e Giuseppe Ciotta preferirebbero l’ultimo posto al sole rimasto disponibile, quello di presidente del consiglio. La coalizione di Roberto Collini, che si riunirà stasera, dovrebbe nominare salvo sorprese lo stesso giornalista (Percorsi goriziani), Marco Rossi (Pd), Rosy Tucci (Gorizia è tua) e uno tra Marilka Korsic e Walter Bandelj (Gorizia 100 sogni-Slovenska Skupnost). Chiudono l’elenco dei capigruppo Federico Portelli ed Emanuele Traini (rispettivamente Gorizie e Borghi), Silvano Gaggioli (Gorizia c’è), Andrea Picco (Forum) e Giancarlo Maraz (M5s).

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *