Calci e pugni ‘goriziani’

di Spritz_Nero

Il goriziano Giorgio Petrosyan (foto, web)
Sabato notte (5 dicembre) mi sono imbattuto nella finale mondiale di Muay Thai che si è disputata a Tokyo (Giappone ovviamente) e trasmessa da Italia 1.
Forse ero tra i pochi a non sapere che il campione in carica è un goriziano d’adozione e naturalizzato italiano, Giorgio (Gevorg) Petrosyan, nato in Armenia a Yerevan ma da noi trasferitosi all’età di 14 anni. (E’ nato il 10 dicembre del 1985)
Non so per quale motivo ma il nome non mi suonava nuovo, così ho fatto una veloce ricerca convinto fosse di scuola triestina, cosa che un quotidiano locale mi ha abituato a pensare dato che spesso cerca di far passare per triestine molte celebrità anche al di fuori della provincia alabardata.
Invece no, oltre al pugile goriziano doc, Paolo “Baia” Vidoz, di cui più o meno tutti conosciamo storia ed imprese, anche il formidabile Petrosyan, allenato da Alfio Romanut presso la palestra Satori Gladiatorium Nemesis, è un concittadino cui andare orgogliosi.
Anche in questo caso i pugni e calci “goriziani” di Petrosyan (commentati da un Meda versione Valentino Rossi all’ultima curva), hanno portato a casa il mondiale 2010 Field K-1 WORLD MAX Champion, ultimo di una serie di infinite vittorie e titoli cominciate nel 2003.
Complimenti a Giorgio quindi…

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Calci e pugni ‘goriziani’"

  1. è davvero un grande campione, uno dei pochi che, secondo me, sale sul ring con la testa ed il cuore e non con la rabbia e la cattiveria. Ha una tecnica formidabile … Coglierei l’occasione per ricordarti di allargare la tua ricerca anche al fratello Armen dallo stile diverso ma sempre un grande combattente !!!

  2. li ho visti qualche anno fa in slovenia a Istrica-Bistrika, se non sbaglio… di goriziani a veder l’incontro eravamo assai pochi però…

  3. Gentili Marco Dusa e Marco, ammettendo senza scusanti la mia completa ignoranza in materia, mi sentivo solo in dovere di segnalare anche nelle pagine sportive di questo blog le imprese di Giorgio, da quel che si evince persona di gran cuore e gran testa, oltre che potenza fisica. Lascio a persone più competenti l’opportunità di renderci partecipi dell’esistenza di altri sportivi goriziani al top e delle loro imprese (come il fratello Armen Petrosyan) in sport apparentemente impopolari, ma non per questo meno importanti dei soliti giochi con la palla.

  4. Non voleva assolutamente essere una critica nei tuoi confronti ma volevo esprimere una mia considerazione e magari un “aiutino” per altre eventuali ricerche per grandi campioni conosciuti a livello internazionale ma purtroppo in molti casi sconosciuti da molti nella loro città soltanto perchè praticano uno sport poco seguito in confronto ad altrinel nostro paese.

  5. Gentile Marco, si capisce perfettamente che il tuo intervento non era una critica nei miei confronti, anzi. Mi sono espresso male nel risponderti. Mi limitavo semplicemente ad invitare persone più competenti a partecipare alla divulgazione sul blog di eventuali campioni “made in Gorizia” di cui si hanno poche o nulle notizie.

  6. io ho solo detto che l’ho visto dal vivo e anche su youtube contro il fortissimo thailandese Buakaw (i thailandesi sono un pò sbruffoni contro i “farang” cioè gli stranieri sopratutto se giocano in casa)…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *