Bombe al “Duca d’Aosta”


L’aeroporto “Duca d’Aosta” di Gorizia è stato oggetto di ritrovamento di residuati bellici della prima guerra mondiale. I 29 ordigni sono stati rimossi e neutralizzati a cura degli artificieri del 3° Reggimento Genio Guastatori di Udine, Unità alle dipendenze della Brigata di Cavalleria “Pozzuolo del Friuli” di Gorizia. Le granate, di artiglieria italiana e austriache, ancora attive, di circa sette chilogrammi l’una, sono state rinvenute durante le operazioni di bonifica sistematica preventiva da ordigni bellici. In occasione del brillamento, sono stati distrutti anche altri residuati bellici rinvenuti in diverse occasioni nel territorio della provincia di Gorizia. Le attività di sicurezza, garantite dalla Prefettura del capoluogo hanno avuto come culmine il brillamento avvenuto ieri verso le 13. L’intervento è stato condotto dal Tenente Colonnello Stefano Venuti e dal nucleo di specialisti EOD (Explosive Ordinance Disposal) che vantano ormai una consolidata esperienza maturata anche nel campo degli insidiosi ordigni di circostanza rinvenuti nel corso delle varie missioni operative svolte all’estero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *