Ater, ok a 457 domande

L’attesa è stata più lunga del previsto. Ma finalmente i lavori della commissione sono terminati e l’Ater di Gorizia potrà procedere alla pubblicazione della graduatoria provvisoria per l’assegnazione degli alloggi di edilizia sovvenzionata, prevista per martedì prossimo, 28 marzo. Da quella data scatteranno quindi i 30 giorni previsti per eventuali ricorsi, che potranno essere presentati sia da parte dei richiedenti rimasti esclusi sia da chi si attendeva un punteggio più elevato. Al termine di questo periodo, la commissione tornerà a riunirsi per esaminare le opposizioni, procedendo con l’approvazione di eventuali correzioni o integrazioni. La graduatoria, in sostanza, dovrebbe poter essere considerata definitiva tra la metà e la fine di maggio. In tutto, la commissione ad oggi ha accertato la validità di 457 domande, mentre quelle non ammesse sono state 39, sia per assenza di requisiti che per carenze documentali. Salvo ulteriori ritardi, dunque, la versione definitiva della graduatoria dovrebbe arrivare quasi in contemporanea, se non in leggero anticipo, all’inaugurazione del nuovo villaggio Ater di via del Carso, in Campagnuzza. Sulle macerie del vecchio macello hanno ormai preso forma le due palazzina che ospitano complessivamente 60 alloggi, e che per prime daranno una risposta abitativa alle famiglie inserite nella graduatoria appena formulata. «Quella che ci consentono di dare gli alloggi di Campagnuzza è una risposta importante perché pressoché immediata» ha confermato la direttrice dell’Ater isontina, Alessandra Gargiulo, «che risolve circa il 15 percento delle domande. Quanto termineremo l’esame di eventuali opposizioni potremo iniziare a concentrarci sulla graduatoria di Monfalcone, dove sono in attesa altre 500 famiglie». Entro l’anno dovrebbero inoltre essere pubblicati anche i bandi relativi alle liste d’attesa per i comuni di Gradisca d’Isonzo e Grado. A inizio marzo, in attesa che si sbloccasse l’iter della commissione, a fare il punto sugli altri alloggi Ater disponibili a Gorizia ci aveva pensato l’assessore comunale al welfare, Silvana Romano. Nella nostra città, secondo i dati forniti dall’assessore, sarebbero 37 gli alloggi pronti a essere assegnati, oltre a quelli di via del Carso. Altri 29 sono in manutenzione ordinaria e 33 straordinaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *