Ater, 500 famiglie in attesa

Sono circa cinquecento le famiglie goriziane che aspettano di conoscere l’esito della nuova graduatoria per l’accesso all’edilizia sovvenzionata nella nostra città. Il “listone” dell’Ater sarà definito nei prossimi giorni, quando è prevista la convocazione di un’ultima commissione. «Dall’incontro usciremo con tutti gli elementi utili per elaborare la graduatoria provvisoria per Gorizia -ha spiegato la direttrice dell’Ater di Gorizia, Alessandra Gargiulo- che contiamo di ultimare entro i primi di marzo». Sarà poi necessario attendere i tempi tecnici per eventuali ricorsi. Nel frattempo è destinato a slittare tra aprile e maggio il termine dei lavori nel nuovo “villaggio” Ater di via del Carso, l’intervento senza dubbio più rilevante (e atteso) tra quelli condotti dall’Ater isontina negli ultimi anni. Se i lavori ai sessanta alloggi di edilizia sovvenzionata sono infatti praticamente conclusi, si dovrà avere ancora un po’ di pazienza per la realizzazione degli interventi di urbanizzazione esterna e di bonifica bellica laddove dovranno essere ricavati i parcheggi e la strada di accesso alle palazzine. Dopodiché si procederà con la fase di scavo per consentire la realizzazione dei sottoservizi, e quindi con la fase di asfaltatura. Il nuovo “villaggio” sorgerà sulle macerie del vecchio macello e della ex fabbrica del ghiaccio di Campagnuzza. «Quando il cantiere avrà terminato tutti i suoi interventi -ha detto Gargiulo- sarà possibile avviare la necessaria fase dei collaudi per arrivare quindi alla consegna degli alloggi che prevediamo di effettuare entro la fine dell’estate, poco dopo la pubblicazione della graduatoria Ater definitiva per la città di Gorizia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *