Assenteisti a Mossa

Il sistema è sempre lo stesso. Quello che decine e decine di volte ci è stato spiegato anche dalla cronaca nazionale. Si entra in ufficio, si timbra il cartellino e poi via, chi a fare la spesa, chi al bar di fronte, chi a fare due passi e a prendere una boccata d’aria. Una piaga tutta italiana, quella dell’assenteismo, che ha raggiunto anche l’Isontino. In particolare, il Comune di Mossa, dove le Fiamme Gialle di Gorizia hanno smascherato le cattive abitudini di due operai dipendenti, ora rinviati a giudizio dall’Autorità Giudiziaria goriziana per le ipotesi di reato di truffa e peculato. A far scattare le indagini, le segnalazioni di tanti cittadini indignati dal comportamento dei due dipendenti comunali, che difficilmente sarebbero riusciti a coprire il proprio comportamento in un paese di 1600 abitanti. I due, è risultato dalle indagini, durate due mesi tra appostamenti e pedinamenti, si sono allontanati una quarantina di volte dal posto di lavoro, sempre per motivi personali e privati e spesso a bordo dell’auto comunale, per “lunghe soste al bar -come si legge nella nota delle Fiamme Gialle- trasporto di materiali non pertinenti le proprie mansioni lavorative, shopping presso i vari negozi del circondario, rientri a casa anzitempo, lavori privati di piccolo giardinaggio sino addirittura a tranquille “passeggiate” mattutine sulle piste ciclabili del Preval”. I finanzieri hanno poi ricostruito, grazie alla collaborazione dell’amministrazione comunale di Mossa, il quadro delle assenze e segnalato i due alla Corte dei Conti per quantificare il risarcimento danni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Le opinioni dei lettori su "Assenteisti a Mossa"

  1. Da dipendente della P.A. devo esprimere la mia massima (uso un termine civile ma ne avrei tanti altri non pubblicabili…) disistima per tali personaggi che portano discredito alla grandissima maggioranza degli onesti lavoratori della P.A. che spesso (soprattutto nei piccoli comuni) fanno i salti mortali per star dietro a tutto.
    Spero abbiano ciò che si meritano.
    Mi viene da fare una sola domanda visto che è evidente che tali comportamenti proseguono da molto tempo: ma hanno un dirigente sopra di loro? non si è accorto di niente? non gli è venuto nessun sospetto?
    Domande che spero vengano in mente anche ai giudici inquirenti.

  2. Dubito che ti assumono, dal 1 gennaio 2010 c’è il blocco del turnover e mi sembra che non c’è alcuna possibilità per i comuni di prendere altra gente se non per mobilità da altri enti o categorie protette quali i disabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *