Ascensore, lavori più vicini

L’obiettivo è quello di individuare entro la fine di aprile lo studio professionale che si occuperà del progetto per completare l’impianto di risalita in castello. Dopo l’esame delle offerte tecniche, in comune è iniziato quello più significativo delle offerte economiche presentate dai quattro raggruppamenti professionali ammessi alla procedura, lo studio Causero e Spadetto di Udine, quelli dell’ingegner Alberto Novarin e dell’architetto Paolo Petris, anche loro udinesi, e lo studio Area Engineering di Venezia. Lo studio che sarà decretato vincitore avrà a disposizione 30 giorni per redigere il progetto. A quel punto sarà possibile procedere con la seconda gara, per individuare la ditta che si occuperà di completare l’opera. Per terminare i lavori al cantiere serviranno circa sei mesi di tempo. L’ascensore, quindi, dovrebbe entrare in funzione tra la fine di quest’anno e, più probabilmente, l’inizio del prossimo. Oltre a terminare il percorso dei tre ascensori, il progetto dovrà prevedere la realizzazione delle stazioni di partenza (accanto alla galleria Bombi, di fatto già ampiamente strutturata) e di arrivo (ai piedi dei bastioni), oltre alla galleria pedonale in ipogeo all’interno del colle. Il costo complessivo che il comune di Gorizia dovrà sborsare per quest’ultimo tratto è di 256.134 euro, che conteggiando anche Inarcassa al 4 per cento e l’Iva al 22 lievitano a 324.983 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *