Arte e integrazione

Integrazione attraverso l’arte e l’espressività. Questo l’obiettivo prefissato dalla comunità terapeutica “La Tempesta” per la mostra “Il linguaggio dell’Arte”, che sarà inaugurata questo pomeriggio alle 17.30, alla Galleria “Mario Di Iorio” della Biblioteca Statale Isontina, in via Mameli. L’associazione, nata nel 1985 e costituita da professionisti psicologi, assistenti sociali, educatori ed operatori, si occupa di cura e riabilitazione di persone dipendenti da sostanze stupefacenti e dipendenze psichiche, come l’alcol, i farmaci, il gioco d’azzardo e il cibo. I pazienti sono stati coinvolti nella realizzazione di oltre cento dipinti e disegni, dopo aver partecipato ad un laboratorio artistico coordinato e condotto dai pittori Luciano de Gironcoli ed Enzo Valentinuz. Ai partecipanti è stata lasciata totale libertà d’espressione, cercando di far trasporre le loro emozioni e stati d’animo sulla tela. Con le immagini così create sono state prodotte diverse cartoline, che è possibile trovare in tutta la città. L’esposizione sarà visitabile fino al 4 dicembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *